Home News Il colpo di stato a Myanmar nel video dell’influencer che danza

Il colpo di stato a Myanmar nel video dell’influencer che danza

CONDIVIDI

L’influencer balla in diretta, alle spalle, come scenario, la sfilata dei mezzi corazzati dell’esercito.

Il colpo di stato a Myanmar nel video dell'influenzar
Khing Hnin Wai e i convogli dell’esercito

Un contrasto forte: in primo piano c’è l’energica e spensierata danza; in secondo piano, ma ben visibili, i rivolgimenti di un Paese in cui i barlumi della democrazia sono riportati nell’oscurità del golpe.

Il colpo di stato come scenografia

Un video fa il giro del mondo, rimbalza in una condivisione sfrenata. Ha dell’incredibile perché racchiude, contemporaneamente, un momento del quotidiano fatto di leggerezza e un evento epocale nella storia del Paese.

Siamo a Naypyidaw, la capitale di Myanmar. Nelle immagini in movimento una giovane donna si muove su musica dance. Appare grintosa, ha i capelli raccolti ed è in tenuta sportiva. Alle sue spalle, a fare da scenografia tanto straordinaria quanto dissonante, la sfilata lunghissima delle camionette dei militari.

Era in atto il colpo di stato, un ritorno al pieno potere dei militari che i Birmani conoscono fin troppo bene. Le aperture verso il dialogo sono naufragate di fronte alla vittoria schiacciante di una donna (novembre 2020), premio Nobel della pace nel 1991, che è stata imprigionata proprio alla vigilia dell’insediamento del nuovo parlamento.

Ma di tutto questo l’influencer in primo piano era ignara. Lo ha chiarito in un secondo tempo, quando ha modificato il testo che accompagnava il video postato su Facebook.

Nelle riprese di ballo tracce della storia

L’influencer si chiama Khing Hnin Way, è un’insegnate di educazione fisica. Sulla sua pagina social ci sono molti i altri video in cui fa ginnastica nella stesso identico scenario.

Precisa come sia consueto vedere il passaggio dei convogli delle forze armate per le strade di Naypyidaw.

Aggiunge poi che stava partecipando ad una competizione di ballo.

La ripresa era avvenuta prima che le autorità dessero notizia del cambio di potere avvenuto e, proprio per questo, sono divenute una testimonianza del colpo di stato.