Home News I medici la davano per spacciata, bambina di 11 anni miracolosamente guarita

I medici la davano per spacciata, bambina di 11 anni miracolosamente guarita

CONDIVIDI

Grave tumore al cervello, i medici la davano per spacciata, Roxli Doss di soli 11 anni è miracolosamente guarita dalla malattia

Un evento che ha del miracoloso quello accaduto ad Hays Country, in Texas. Una bambina, al quale era stato diagnosticato un tumore incurabile, è inspiegabilmente guarita completamente dal male che la affliggeva.

La scoperta del tumore

Roxli Doss,11 anni, è una bambina che vive a Hays Country, in Texas, nel sud degli USA. La bambina ha condotto una vita del tutto normale fino all’età di 10 anni, età alla quale ha iniziato ad accusare una serie di disturbi che hanno portato i genitori a voler consultare i medici.

Da qui,la tragica notizia: a Roxli è stato infatti diagnosticato un mieloma pontino diffuso, una forma molto rara di tumore al cervello che colpisce sopratutto i bambini.

La prognosi infausta

Purtroppo i medici sono stati tutt’altro che ottimisti nel comunicare la notizia ai genitori di Roxli. Questo genere di tumore, che in campo medico è indicato con la sigla DIPG, è infatti inoperabile. L’impossibilità di rimuovere chirurgicamente il cancro della piccola Roxli derivava dal fatto che la massa tumorale, localizzata alla base del cranio, spingeva contro la colonna vertebrale rendendo perciò rischiosissima, se non impossibile, l’attacco chirurgico.

”Questo tipo di tumore è molto raro, ma quando appare è un male devastante. Diminuisce l’abilità di deglutire, talvolta perdi la vista e l’abilità di parlare, talvolta anche respirare diventa difficoltoso”.

Ha confermato la dottoressa  Virginia Harrod del Dell Children’s Medical Center, intervistata dalla radio americana K-Vue.

La miracolosa guarigione

Tuttavia, a dispetto di ogni previsione, il cancro della piccola Roxli è completamente scomparso. I medici dell’ospedale nella quale era ricoverata, increduli, hanno più volte ripetuto gli esami prima di confermare con gioia alla famiglia che il tumore era inspiegabilmente scomparso.

A tutt’ora i medici non sono riusciti a trovare una vera e propria spiegazione per giustificare la spontanea regressione del cancro che affliggeva la piccola Roxli, certo è che la guarigione improvvisa della bambina è stata giudicata tanto improbabile da poterla definire,forse, un miracolo.