Home Cronaca Incidente in montagna, Matteo Bernasconi travolto da una valanga: era una guida...

Incidente in montagna, Matteo Bernasconi travolto da una valanga: era una guida alpina

CONDIVIDI

Dramma in Valtellina: il 38enne Matteo Bernasconi, già guida alpina, è morto, travolto da una valanga. Il suo corpo trovato ieri notte dai soccorritori.

matteo bernasconi

Incidente in montagna nel pomeriggio di ieri: non ce l’ha fatta Matteo Bernasconi, il ragazzo travolto da una valanga, mentre si trovava nel canale della Malgina.

Incidente in Valtellina

Tragedia in Valtellina: un ragazzo di 38 anni, Matteo Bernasconi, è morto dopo essere stato travolto da una valanga.

Come riferisce anche Fanpage, l’incidente è avvenuto nel pomeriggio di ieri, quando il 38enne si trovava sul Canale della Malgina.

Intorno alle 2 di notte i soccorritori hanno individuato il corpo senza vita di Bernasconi. Ancora in corso le operazioni di recupero della salma.

Chi era Matteo Bernasconi

La vittima era una guida alpina. Nel 2009 aveva intrapreso il percorso per quello che sarebbe diventato poi il suo lavoro nel 2011, quando divenne ufficialmente una guida alpina.

Nel 2003 era entrato a far parte dei Ragni della Grignetta, un’associazione alpinistica molto conosciuta.

La notizia della sua morte ha lasciati sgomenti gli appassionati di montagna e i colleghi alpinisti. Matteo, che tutti chiamavano Il Berna, era un ragazzo molto esperto di arrampicate. Lascia la compagna ed una bimba piccola.

La sua bacheca Faceboook è diventata un susseguirsi di messaggi di cordoglio e di affetto, da parte di quanti hanno condiviso con lui scalate e imprese di montagna.

23enne travolto da una valanga a Cortina

Nel pomeriggio del 9 maggio avvenne un’altra tragedia in montagna, a Cortina per l’esattezza. Un ragazzo di appena 23 anni venne travolto da una valanga.

La vittima, Tommaso Redolfi, stava sciando sulla Tofana insieme al fratello 27enne.

Il ragazzo è stato inghiottito da una valanga mentre stava affrontando un pendio ripido. Il suo corpo è rimbalzato sulla parete, prima di essere trascinato per diverse centinaia di metri.

La voglia di roccia, montagna, più semplicemente libertà, si fa sempre più pressante..Chi prima chi dopo, a seconda di…

Pubblicato da Milano Adventure su Lunedì 4 maggio 2020