Home Salute & Benessere I benefici per la salute delle alghe brune

I benefici per la salute delle alghe brune

CONDIVIDI

Questo ortaggio del mare può aiutare a gestire il diabete e l’obesità.

alga bruna
alga bruna

Cos’è l’alga bruna?

Oltre ad essere un alimento base della cucina asiatica, due tipi di alghe brune, Fucus vesiculosus (noto anche come vescica) e Laminaria japonica, sono state utilizzate anche nei sistemi di medicina tradizionale per trattare varie condizioni di salute tra cui la malattia della tiroide. L’alga contiene iodio, un minerale necessario per il corretto funzionamento della tiroide.

Entrambi i tipi di alghe brune contengono anche fucoidan, una sostanza che, secondo un rapporto del Memorial Sloan Kettering Cancer Center, è capace di rafforzare il sistema immunitario, ridurre l’infiammazione, prevenire il cancro, abbassare la pressione sanguigna e prevenire il sangue coaguli e infezione.

Sono anche fonti di fucoxantina, un antiossidante che dona alle alghe brune il suo colore caratteristico e una sostanza che ha guadagnato particolare attenzione a causa dei suoi promettenti effetti anti-obesità.

Benefici alla salute

Prevenzione del cancro

In un caso clinico pubblicato nel 2004, i ricercatori hanno scoperto che l’assunzione dietetica di vescica ha prodotto effetti antiestrogenici in tre donne in pre-menopausa.

Secondo gli autori dello studio, questi risultati suggeriscono che il tipo vescica può aiutare a ridurre il rischio di tumori correlati agli estrogeni, probabilmente perché l’alga bruna abbassa i livelli di colesterolo, che è un precursore della sintesi degli ormoni sessuali.

Perdita di peso

L’inibizione delle lipasi, un enzima pancreatico che provoca la scomposizione dei grassi, è uno dei principali bersagli terapeutici dei farmaci anti-obesità.

In uno studio del 2016, i ricercatori che hanno valutato l’attività della lipasi anti-pancreatica dei preparati di tre alghe marroni, tra cui Fucus vesiculosus, hanno scoperto che hanno mostrato una significativa inibizione dell’attività della lipasi.

Uno studio del 2018 ha scoperto che l’integrazione della dieta dei ratti con la Laminaria japonica per 16 settimane ha alterato il contenuto di microbi intestinali.

Più specificamente, hanno scoperto che i probiotici sani sono aumentati e le famiglie di batteri intestinali associati al controllo del peso sono state potenziate.

Diabete

L’alga commestibile è povera di calorie e ricca di fibre alimentari, acidi grassi insaturi e vitamine, il che la rende adatta per la gestione del diabete.

In effetti, uno studio sugli animali del 2010 ha confermato che un componente attivo della Laminaria japonica, che è ampiamente usato nella medicina cinese come trattamento per il diabete, ha un’attività significativa nella prevenzione della digestione dei carboidrati.

Ciò facilita al corpo il processo di stabilizzazione dei livelli di zucchero nel sangue. I ricercatori hanno indicato che potrebbe essere sviluppato come un agente importante per la terapia del diabete di tipo 2. In un altro studio, il consumo di una miscela commerciale di Ascophyllum nodosum e Fucus vesiculosus è stato associato a una migliore regolazione e sensibilità dell’insulina rispetto al placebo.

Miglioramento cognitivo

Uno studio del 2018 ha fornito le prime prove per la modulazione della cognizione con estratto di alghe. Nello studio, i ricercatori hanno testato un supplemento di combinazione di Ascophyllum nodosum e Fucus vesiculosus su 60 adulti sani.

Dopo un grande pranzo ricco di carboidrati, a metà dei volontari è stato somministrato il supplemento e l’altra metà ha ricevuto un placebo.

Rispetto ai loro risultati su un test cognitivo pre-pranzo, il gruppo che ha ricevuto il supplemento ha ottenuto risultati migliori nelle attività cognitive rispetto al gruppo placebo. Questi risultati sono probabilmente spiegati dal fatto che i componenti delle alghe brune inibiscono gli enzimi chiave coinvolti nella scomposizione e nell’assorbimento dei carboidrati, consentendo livelli di zucchero nel sangue costanti che consentono al cervello di funzionare in modo coerente.

I ricercatori chiedono che vengano esaminate ricerche future per esaminare gli effetti sulla cognizione in parallelo con la glicemia e le risposte all’insulina.