Home News “Ho imparato molte cose da lui” addio a un altro grande del...

“Ho imparato molte cose da lui” addio a un altro grande del mondo dello spettacolo

CONDIVIDI

 Fabio Volo, grande amico di Ennio Fanstastichini, morto sabato primo dicembre all’età di 63 anni,  posta su Instagram una foto sul set di ‘Studio illegale’ e scrive: “Tra le varie fortune della mia vita c’è sicuramente quella di essere stato su un set cinematografico con un grandissimo come Ennio Fantastichini. Oltre ad aver imparato molte cose da lui”.

La morte di Ennio Fanstastichini di Leucemia

 

E’ morto sabato primo dicembre Ennio Fantastichini, il  grande attore che ormai era malato da tempo.L’uomo,  Lascia un vuoto incolmabile nel mondo del cinema italiano e non solo.

Ennio, era ricoverato in ospedale a Napoli da due settimane in reparto rianimazione, al Policlinico di Napoli. Si è spento  a causa di una leucemia. A stroncare la vita dell’attore sono state alcune complicazioni polmonari, intestinali, e forti emorragie al cervello.

L’attore nato a Gallese nel 1955, figlio di maresciallo, si trasferì presto a Roma per scriversi all’accademia d’arte drammatica.L’arte era l’anima della sua famiglia, infatti non era l’unico ad avere una vena artistica, anche il fratello si confermò un ottimo pittore e scultore.

Ricordiamo Ennio Fantastichini per la sua partecipazione in diversi film,ma sopratutto per il debutto  sul piccolo schermo con alcune fiction che lo hanno reso molto famoso e indimenticabile. Si lascia alle spalle una lunga carriera d’attore con una quindicina di ruoli in TV e quasi 50 film. La sua  prima  apparizione al cinema risale al 1982 con “Fuori dal giorno” di Paolo Bologna. Ha recitato con attori altrettanto straordinari tra cui Gasman e Mastroianni in un film straordinario ” I soliti ignoti vent’anni dopo”. I suoi ruoli venivano spesso premiati in molti con premi nazionali.

Altri messaggi di Dolore e sgomento arrivano  dai tanti colleghi ed amici nel mondo dello spettacolo.  Luca Bizzarri scrive che era “un talento impressionante. Che tristezza”, dice invece Giovanni Veronesi fa riferimento alla recente scomparsa di Bernardo Bertolucci e scrive: “La morte ha veramente rotto il c…. Anche Fantastichini adesso”