Home Salute & Benessere Hai smesso di fumare? I tuoi polmoni danneggiati guariranno magicamente: ecco come

Hai smesso di fumare? I tuoi polmoni danneggiati guariranno magicamente: ecco come

CONDIVIDI

Smettere di fumare può fare molto di più che prevenire ulteriori danni ai polmoni: potrebbe accelerare il rilascio di cellule sane che riparano effettivamente i rivestimenti delle vie respiratorie.

smettere di fumare
smettere di fumare

Smettere di fumare porta alla completa guarigione dei polmoni. È quanto emerge da un nuovo studio pubblicato su Nature dal Wellcome Trust Sanger Institute e dall’University College London Hospital del Regno Unito.

Hanno scoperto che queste cellule sane assomigliano a quelle di persone che non hanno mai fumato, anche nei polmoni di ex fumatori a lungo termine.

Smettere di fumare: i polmoni guariscono, ecco come

Le persone che hanno fumato pesantemente per 30, 40 o più anni spesso mi dicono che è troppo tardi per smettere di fumare – il danno è già stato fatto“,

ha detto in una comunicato l’autore senior congiunto, il Dr. Peter Campbell, del Wellcome Sanger Institut.

Ciò che è così eccitante del nostro studio è che dimostra che non è mai troppo tardi per smettere”

“Alcune delle persone nel nostro studio hanno fumato più di 15.000 pacchetti di sigarette nel corso della loro vita

Ma nel giro di pochi anni dall’abbandono di molte cellule il rivestimento delle loro vie aeree non ha mostrato segni di danni causati dal tabacco“.

Il fumo provoca fino a 10.000 mutazioni extra su nove cellule polmonari su 10, incluse molte che causano il cancro.

Ma negli ex fumatori che i ricercatori hanno esaminato, c’erano quattro volte più cellule sane, con fino al 40 percento delle loro cellule polmonari.

Queste apparivano diverse da quelle di qualcuno che non ha mai fumato, ha riferito BBC News.

C’è una popolazione di cellule che, in un certo senso, riempiono magicamente il rivestimento delle vie aeree“,

ha detto Campbell secondo BBC News.

Lo studio

Per lo studio, i ricercatori hanno prelevato biopsie polmonari da 16 persone, inclusi adulti e bambini.

Tra loro c’erano i fumatori attuali ed ex, così come quelli che non erano mai fumatori.

Hanno quindi sequenziato il DNA di 632 cellule non cancerose dai campioni e analizzato i modelli di mutazioni, secondo il Daily Mail.

Detto questo, i ricercatori non sono stati in grado di identificare il modo in cui le cellule sane degli ex fumatori evitavano il danno o cosa innesca la loro sostituzione delle cellule danneggiate.

Ritengono che il corpo possa avere un serbatoio di queste cellule immagazzinato da qualche parte.

In una recensione dello studio pubblicato da Nature, è emerso quanto segue.

Gli esperti non coinvolti nello studio hanno anche affermato che i risultati sorprendenti potrebbero essere dovuti alle dimensioni piuttosto ridotte del campione, il che significa che sono necessarie ulteriori ricerche.

Secondo l’American Lung Association, il cancro del polmone è il principale killer del cancro per uomini e donne negli Stati Uniti.

Secondo le stime, nel 2020 saranno diagnosticati 229.000 nuovi casi, anche se i tassi di fumo in calo.

I progressi nella cura del cancro del polmone hanno recentemente guidato il più grande singolo anno calo delle morti per cancro che la nazione abbia mai visto.

Allo stesso modo, il Cancer Research UK stima che ci siano 47.000 casi di cancro ai polmoni diagnosticati ogni anno nel Regno Unito e 35.000 decessi.

La conclusione

Il nostro studio ha un importante messaggio sulla salute pubblica”

“Dimostra che vale davvero la pena smettere di fumare per ridurre il rischio di cancro ai polmoni

ha detto l’autore congiunto Sam Janes, dell’University College London Hospitals Trust, in un comunicato stampa.

Smettere di fumare a qualsiasi età non solo rallenta l’accumulo di ulteriori danni, ma potrebbe risvegliare le cellule non danneggiate dalle scelte di vita passate“.

Ulteriori ricerche su questo processo potrebbero aiutare a capire come queste cellule proteggono dal cancro e potrebbero potenzialmente portare a nuove strade di ricerca sulla terapia anticancro“.

I benefici dello smettere possono estendersi oltre l’individuo anche in altri modi, considerando che i mozziconi di sigaretta sono l’oggetto più disseminato al mondo, diffondendo sostanze chimiche tossiche nella terra e nelle fonti d’acqua.