Home News Greta Thunberg torna a scuola, ma non si blocca la battaglia per...

Greta Thunberg torna a scuola, ma non si blocca la battaglia per il clima

CONDIVIDI

L’anno sabbatico dell’attivista si è concluso ed è tornata a seguire le lezioni dopo aver sensibilizzato il mondo riguardo l’emergenza climatica.

greta scuola

Greta Thunberg ha concluso il suo tour mondiale per sensibilizzare sul tema dei cambiamenti climatici. L’attivista svedese si dice contenta di poter tornare a scuola ma avvisa anche che non smetterà di lottare per proteggere la Terra.

Il ritorno a scuola di Greta

A dare questo annuncio è la stessa ragazza che con un suo tweet avvisa che il suo Gap per il clima è finito. Si dice molto felice della cosa e posta una sua immagine mentre sta andando nella sua classe a Stoccolma in bici con lo zaino in spalla.

L’anno appena trascorso è stato molto intenso. La diciasettenne ha attraversato due volte l’Oceano Atlantico a bordo di un catamarano prima per parlare alle Nazioni Unite e poi per partecipare alla Cop25, che si sarebbe dovuta tenere a Santiago del Cile.

La conferenza si è poi svolta a Madrid, costringendo Greta a cercare un nuovo passaggio per arrivare nella capitale spagnola.

Ha incontrato moltissimi potenti del mondo, VIP e altri attivisti più o meno famosi. Uno degli ultimi incontri è stato con la Cancelliera tedesca Angela Merkel e la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen. T

ra gli attivisti più famosi ricordiamo il premio Nobel per la pace Malala e l’ambasciatore Unicef Leonardo DiCaprio.

Lo stop dovuto all’epidemia

A causa della pandemia globale di SARS-CoV-2 il suo lavoro sul campo si è interrotto, ma la ragazza ha continuato a lavorare usando il web. Non ci sono più stati gli scioperi con milioni di giovani pronti a manifestare in mezzo alle strade.

Il movimento dei Fridays for Future si è messo in moto sfruttando il mondo di Internet. Sono ormai due anni che questi scioperi sono attivi.

Ora è probabile che si tornerà a scendere in piazza, almeno finché i governi non adotteranno misure concrete per rallentare la crisi climatica.