Home News Green pass, il messaggio fake su Whatsapp per scaricare il certificato

Green pass, il messaggio fake su Whatsapp per scaricare il certificato

Il fenomeno della truffa basata sul Green Pass sta circolando in tutta Italia e permetterebbe ai malviventi di accedere alle nostre carte di credito.

Green Pass
Il vero certificato sarà inviato tramite sms o e-mail

Come abbiamo riportato negli ultimi giorni, il Green Pass è finalmente pronto per essere scaricato dai cittadini vaccinati. Purtroppo però, anche in questo caso, qualcuno ha approfittato dell’occasione per mettere in piedi una truffa.

I truffatori del Green Pass mirano ad estorcere i dati sensibili degli utenti.

Diversi utenti di Whatsapp, provenienti da tutta Italia, infatti, avrebbero segnalato diversi messaggi con link fasulli per scaricare il proprio Green Pass. Nello specifico il messaggio in questione recita: “In questo link puoi scaricare il certificato verde che ti permette liberamente di muoverti in tutta Italia senza mascherina“.

Lo scopo dei malfattori dietro la truffa è creare un tentativo di phishing, ossia indirizzarti su un sito simile a quello istituzionale per ingannarti e farti inserire i dati sensibili. Nel migliore dei casi, inoltre, vi prosciugheranno solamente il conto del cellulare tramite la sottoscrizione di abbonamenti.

Il messaggio per scaricare il certificato autentico non viene inviato su Whatsapp

Per smascherare la truffa basterà fare attenzione a due piccoli particolari. Ad esempio il vero link per scaricare il Green Pass non arriverà su Whatsapp. Inoltre, a differenza del messaggio dei truffatori, quest’ultimo non consentirà di girare all’aperto senza mascherina.

Secondo le ultime disposizione con tutta Italia in zona bianca, infatti, vaccinati e non potranno girare liberamente e senza mascherina all’aperto a partire dal 28 giugno. Per quanto riguarda il certificato dell’avvenuta vaccinazione, esso verrà inviato tramite e-mail o sms.

Infine, sarebbe proprio la scelta di quest’ultimi sistemi, solitamente usati proprio per operazioni di phishing, ad aver creato molti dubbi agli utenti, ancora oggi sorpresi per tale scelta.

Leggi anche —> Green Pass: cos’è, quando sarà disponibile e cosa ci permetterà di fare