Home News Green Deal, la spinta dell’UE verso l’economia circolare

Green Deal, la spinta dell’UE verso l’economia circolare

CONDIVIDI

Approntato il nuovo piano per far crescere l’economia verde all’interno dei paesi dell’unione. Nuovi incentivi, azioni della Commissione Europea.

Green deal economia circolare

Green Deal ha come obiettivo il migliorare l’impronta green dell’UE entro il 2030. In un solo decennio l’ambizioso progetto è stato lanciato dalla Presidente Ursula von der Leyen. La Commissione Europea ha appena rilasciato il Circular economy action plan, che spinge ad aumentare il tasso di riuso delle materie prime.

Le azioni concrete presenti nel piano

Per prima cosa si mira a far incrementare il tasso di riutilizzo che oggi è al 12%, dimenticando il monouso e dare forza al settore dell’eco-progettazione dei materiali. Per fare questo si sono pensati sia degli incentivi sia delle azioni concrete che spingano al riuso, riciclo e riparazione degli oggetti.

Un settore importante è sicuramente quello degli imballaggi. Nel 2017 era arrivato a produrre 173 kg l’anno per abitante in Europa, quota in continua crescita. Si mira a ridurre questa produzione, spingendo ad avere imballi al 100% riutilizzabili o riciclabili.

Si vuole poi creare un sistema di etichettatura più armonico a livello europeo, in modo da rendere più facile fare la raccolta differenziata. Si desidera intervenire anche sui prodotti monouso, puntando a prodotti che non finiscano nell’indifferenziato.

L’ambizioso piano della Commissione vuole puntare alla riduzione della plastica. Questo settore utilizza il 20% del petrolio utilizzato a livello mondiale e entro il 2050 questo potrebbe raddoppiare.

Quindi l’obiettivo è eliminare del tutto l’uso della plastica, per arrivare ad alternative riutilizzabili o bioplastiche biodegradabili o compostabili.

La situazione italiana

L’Italia è un paese all’avanguardia riguardo l’Economia circolare. A certificarlo è stato il Circular economy network CEN nel Rapporto nazionale sull’economia circolare in Italia.

Esso è stato presentato durante la Conferenza nazionale sull’economia circolare 2020. Siamo la prima economia circolare a livello europeo e leder a livello mondiale per il riciclo.