Home Politica Gran Bretagna, Johnson specifica: “Chiusure su tre livelli di emergenza, no al...

Gran Bretagna, Johnson specifica: “Chiusure su tre livelli di emergenza, no al lockdown totale”

CONDIVIDI

Boris Johnson si è espresso sulle condizioni della Gran Bretagna mettendo l’accento sulle nuove misure con chiusure su tre livelli.

Gran Bretagna, Johnson specifica: "Chiusure su tre livelli di emergenza, no al lockdown totale"

La Gran Bretagna dovrà affrontare nuovamente l’emergenza con tre livelli di chiusura impartiti dal Governo di Boris Johnson.

I tre livelli di chiusura inglesi

Il Premier britannico Johnson ha preso molto seriamente la curva dei contagi che continua a salire. L’emergenza però non può portare ad un lockdown generale, perché avrebbe nette conseguenze sull’economia del Paese.

Per questo motivo ha deciso di attuare delle chiusure a tre livelli al fine di gestire l’emergenza:

“non possiamo permettere che collassi il sistema sanitario nazionale. saranno mesi durissimi ma riusciremo a superarli”

Partendo dal livello 1 – ovvero il più alto – sarà Liverpool una delle città coinvolte. In questo caso ci sarà il divieto di incontro in casa e tutti i pub dovranno rimanere chiusi, insieme a palestre – centri sportivi – negozi di scommesse e casinò. Università, scuole e negozi potranno restare aperti ma con un rigido protocollo da seguire.

Il livello 2 è quello medio – come spiegato dal Premier e riportato dai media locali – che coinvolge la maggior parte del Paese. In questo caso sono valide le regole in essere con limite di sei persone nelle riunioni e chiusura alle ore 22 dei pub. Restrizioni che, secondo Johnson, non solo salveranno delle vite ma consentiranno di proseguire con la propria vita anche a livello economico.

Il Premier britannico ha evidenziato che i mesi che arriveranno insieme alla stagione fredda saranno molto duri da affrontare:

“È un sentiero che dobbiamo percorrere”

Seppur cercando di evitare in tutti i modi un lockdown generale come quello imposto in primavera. Mesi, come dice il Premier, che metteranno a dura prova le persone e l’economia del Paese  – per questo motivo la scelta delle zone al fine di controllare una epidemia che oramai sembra essere sfuggita di mano.