Home Politica Governo, Zingaretti sbotta contro gli alleati: “Non abbiamo un’anima, la vittoria andrà...

Governo, Zingaretti sbotta contro gli alleati: “Non abbiamo un’anima, la vittoria andrà a Salvini”

CONDIVIDI

Il Governo sembra non trovare un equilibrio e per questo Zingaretti chiede di cambiare, per non consegnare la vittoria a Matteo Salvini

Governo
Governo

Secondo Zingaretti oggi come oggi questo Governo non ha unicità e complicità, sbottando contro gli alleati che sembrano non voler collaborare.

Lo sfogo di Zingaretti sugli alleati

Nicola Zingaretti non ci sta e secondo lui questa alleanza non sta procedendo come dovrebbe proprio per il bene del Paese. Secondo lui è senza un’anima ben prefissata ed è una cosa molto grave che porterebbe ad un epilogo non proprio felice:

“non ha ancora un’anima e se non la trova rischia di finire come nel film wargames – senza vincitori. in questo caso la vittoria andrebbe a salvini”

Evidenzia che queste continue liti e il continuo non trovare un accordo, non può che portare ad una rottura definitiva:

“se qualcuno si illude di poter fare una corsa da solo adesso, gli italiani lo puniranno”

Il monito è proprio contro Di Maio, l’alleato insieme al M5S che secondo il segretario non è ancora così unito come dovrebbe essere – invitandolo a trovare dei punti in comune per il bene del Paese e per riuscire ad andare avanti nel prossimo futuro.

Nonostante tutto il segretario del Pd crede ancora in questa unione formata con il M5s – Italia Viva e LeU:

“non si può governare insieme a degli avversari”

Ma la parola alleati, come sottolinea, resta differente secondo il suo punto di vista:

“chi esercita potere e occupa posti di responsabilità, deve portare avanti un progetto comune”

Vedendo in questo gruppo tutto il contrario di quello che dovrebbe essere per andare avanti senza intoppi.

La risposta di Matteo Renzi

Matteo Renzi mette in guardia Zingaretti e tutto il Pd, evidenziando che andare a votare oggi significherebbe regalare a Salvini il Paese e i pieni poteri:

“dopo la manovra non serve un rimpasto, ma si devono sbloccare i cantieri”