Home Politica Governo, Rosato linea dura contro Conte: “Ha sciupato la fiducia che aveva”

Governo, Rosato linea dura contro Conte: “Ha sciupato la fiducia che aveva”

CONDIVIDI

Il Governo sull’orlo di una crisi? Per Rosato di Italia Viva non ci sono dubbi in merito e Conte avrebbe sciupato la fiducia che era in essere.

Secondo Rosato al Governo ora manca quel rapporto di fiducia che il Premier avrebbe “sciupato” e si chiede come sia possibile andare ancora avanti.

Le parole di Rosato di Italia Viva

Ci sono non pochi problemi e polemiche per Ettore Rosato esponente di Italia Viva che mette l’accento sul Premier Conte e di come oramai la maggioranza non abbia più dei cardini saldi per andare avanti:

“Bisogna costruire un rapporto fiduciario di maggioranza che oggi non c’è più, Conte ha sciupato la fiducia che aveva”

Questo afferma, come riprendono i vari media italiani tra cui TGCom24, ponendo un quesito e confermando alcuni aspetti che in questi giorni sarebbero emersi:

“o il premier dice quale sia il suo percorso per i prossimi mesi, oppure per noi questo governo è una esperienza finita”

Aggiungendo che secondo lui anche il M5S non abbia relativamente apprezzato il fatto che il Premier abbia mandato la ripartizione di un Recovery Fund di 210 miliardi di euro alle 2 del mattino:

“senza discuterne con nessuno, secretando i progetti e approvandoli alle 9 in consiglio dei ministri”

Parla poi delle possibili dimissioni dei ministri, evidenziando che le ministre le hanno pronte e che non è Renzi a farle dimettere.

La risposta del Pd

A seguito di queste parole, il Pd interviene nell’immediato confermando la sua crescita di questi mesi. Il Vicecapogruppo Bordo attacca Italia Viva chiedendo di non scaricare le proprie difficoltà sulle altre forze di maggioranza. Il Vicecapogruppo mette in evidenzia la crescita del Pd e che il partito continuerà a lavorare per rafforzare tutta la sfera politica per una maggioranza oggi forte e determinata.

Non ci sarebbero inoltre da parte del M5s le volontà per un rimpasto, restando ad una tesi a cui nell’eventualità sarebbe a disposizione.