Home News Governo, Conte chiama i ministri per discutere della scuola

Governo, Conte chiama i ministri per discutere della scuola

CONDIVIDI

Si terrà lunedì a Palazzo Chigi il vertice indotto da Conte per fare il punto sulla situazione. Preoccupa la crescita dei contagi in attesa della riapertura della scuola.

Conte scuola
Si terrà lunedì l’incontro indetto al premier Conte per discutere del futuro della scuola.

Le molte difficoltà sorte nell’ultimo periodo hanno portato il premier Conte ad indurre un summit speciale per discutere della riapertura della scuola, prevista per il 14 settembre.

Con la riapertura degli istituti si temono nuovi contagi

Sono molteplici gli argomenti riguardanti la scuola a tenere banco. Uno su tutti il rischio di nuovi contagi, dato che quest’ultimi risultano già in crescita.

Inoltre i nuovi banchi monoposto, utili a garantire il distanziamento sociale, non finirebbero la propria distribuzione prima di ottobre. Quasi un mese dopo l’inizio delle lezioni. Inoltre, si hanno ancora preoccupazioni riguardo la questione legata al trasporto degli studenti.

Sono questi i motivi che hanno convinto Conte a convocare una riunione a Palazzo Chigi. A partecipare, oltre al ministro dell’istruzione Azzolina, la titolare del Mit, Paola De Micheli ed il ministro della salute Roberto Speranza.

La scuola, come ribadito dallo stesso Conte nell’incontro avuto con Angelo Borrelli e Domenico Arcuri, infatti, è

“una responsabilità di tutti, non solo della Azzolina”.

Come predetto, sono molti i nodi da sciogliere soprattutto legati alla questione dei trasporti, sulla quale le Regioni facevano pressione da tempo.

I primi banchi monoposto sarebbero già arrivati

Inoltre, sembrerebbero essere arrivati i primi banchi monoposto in alcune scuole romane, che li hanno ordinati subito, appena i fondi del ministero dell’Istruzione sono stati disponibili.

Problemi anche per quanto riguarda i test sierologici da effettuare al personale scolastico. Sembra, infatti, che in molte Regioni non vi siano i kit per i medici di famiglia, i quali si sarebbero dovuti occupare della somministrazione.

Infine, dopo la riunione con i ministri, Conte ha avuto un summit con i capidelagazione della maggioranza. La riunione, chiesta da Dario Franceschini, ha avuto come tema gli eccessivi litigi tra Regioni.