Home News Google, dal 2020 offrirà conti correnti bancari

Google, dal 2020 offrirà conti correnti bancari

CONDIVIDI

Google è pronta ad entrare nel mondo finanziario ed offrire i conti correnti bancari

Google, oltre ad essere un colosso digitale, si è appresta a diventare un leader nel mondo finanziario.

A partire dall’anno 2020 Big G offrirà agli utenti anche i conti correnti bancari.

Caesar Sengupta, l’executive del colosso che presiede la divisione pagamenti ha rivelato di aver siglato interessanti e strategiche partnership con le banche e il sistema finanziario.

Il nuovo comparto creditizio

Si parla di Fintech: il colosso offrirà un servizio di credito di grande valore aggiunto per tutti i cyber-utenti.

“Sarà un lungo sentiero da percorrere, ma più sostenibile”

ha spiegato il manager del colosso, Caesar Sengupta.

Lo stesso Executive ha spiegato che il colosso vuole cercare di creare valore per i consumatori, per le banche e per gli esercenti commerciali, ovvero per tutti gli imprenditori digitali che mirano a commercializzare prodotti e servizi.

Ha fatto presente che non venderà i dati finanziari dei suoi utenti e non userà i dati di Google Pay per scopi pubblicitari e promozionali.

Si tratta di dati che non verranno condivisi secondo la società in nessun modo con gli inserzionisti.

Conti correnti e commissioni

Il colosso non ha ancora deciso se farà pagare commissioni ai correntisti.

Quello che sappiamo è che il conto bancario permetterà di depositare denaro e si potranno anche chiedere prestiti bancari.

Già otto anni fa il colosso tecnologico ha lanciato Google Wallet, che permette agli utenti di fare acquisti digitali appoggiandosi alle loro carte di credito o di debito.

Lo scorso anno Google ha introdotto un suo servizio di pagamenti, Google Pay, che conta ben 39 milioni di utenti, ma entro il 2020 potrebbe raggiungere addirittura 100 milioni di cyber-utenti.

Una mossa strategica davvero vincente per il colosso Google che offrirà anche tutta una serie di servizi ad alto rendimento, come gli investimenti e i prestiti bancari.