Home News Google annuncia l’aggiornamento della privacy: l’obiettivo è “gestire” nelle impostazioni predefinite meno...

Google annuncia l’aggiornamento della privacy: l’obiettivo è “gestire” nelle impostazioni predefinite meno informazioni

CONDIVIDI

Google aggiorna la privacy: ecco cosa cambia su dati e navigazione in incognito

In un post pubblicato sul blog, il colosso della ricerca di Mountain View ha affermato che renderà più semplice agli utenti andare in “incognito” e mettere in pausa la raccolta di dati mentre utilizzano le app mobili di Google.

Google aggiunge inoltre consigli proattivi sulla sicurezza dell’account al suo strumento di controllo della sicurezza.

La principale finalità è “gestire” nelle impostazioni predefinite meno informazioni in modo tale da “alleggerire” il carico di dati sensibili senza dover modificare le impostazioni.

Google modifica la privacy policy

Google ha anche annunciato che consentirà agli utenti di eliminare automaticamente i propri dati dopo 18 mesi.

“L’eliminazione automatica delle attività Web e delle app verrà automaticamente impostata su 18 mesi per i nuovi account.

Ciò significa che i tuoi dati di attività verranno automaticamente e continuamente eliminati dopo 18 mesi.

Puoi sempre disattivare queste impostazioni o modificare l’opzione di eliminazione automatica”,

spiega una nota di Google.

Le modifiche alla privacy arrivano mesi dopo che le autorità di regolamentazione europee hanno avviato un’indagine sul trattamento dei dati sulla posizione di Google nel continente.

Nel frattempo, negli Stati Uniti, Google è uno dei tanti colossi della tecnologia della Silicon Valley che deve anche affrontare nuove domande su come conciliare la protezione della privacy degli utenti.

Inoltre, Google deve erogare i propri servizi digitali alle forze dell’ordine, tra le proteste contro la brutalità della polizia a seguito dell’uccisione di George Floyd.

Oltre un migliaio di dipendenti di Google ha chiesto alla società di interrompere i servizi digitali ai dipartimenti di polizia negli Stati Uniti.

Amazon, IBM e Microsoft hanno già staccato la spina vendendo la loro tecnologia di riconoscimento facciale alla polizia.

Google sta inoltre affrontando una causa di azione da 5 miliardi di dollari in California per il monitoraggio presumibilmente pervasivo dell’uso di Internet da parte dei suoi utenti attraverso la modalità “in incognito” del browser.