Home News Global Climate Strike, lo sciopero mondiale per il clima

Global Climate Strike, lo sciopero mondiale per il clima

CONDIVIDI

Parte la settimana del Global Climate Strike lo sciopero ispirato da Greta Thunberg per protestare contro il cambiamento climatico e l’inerzia dei potenti del mondo

Global Climate Strike
Global Climate Strike

Le manifestazioni per il Global Climate Strike sono partite venerdì 20 settembre e coinvolge tutto il mondo. Queste varie manifestazioni sono state organizzate per chiedere delle azioni incisive e concrete per invertire il cambiamento climatico.

Tutto è stato avviato in concomitanza del vertice sul tema al Palazzo di Vetro.

Al summit Onu sul clima del 23 settembre parteciperà Greta Thunberg, la giovane attivista svedese ispiratrice di questo movimento che coinvolge per lo più giovani e giovanissimi. Sono previsti 4.638 eventi organizzati in 139 paesi.

Global Climate Strike, lo sciopero del clima

Tutte le manifestazioni partono da Melbourne, passando per Stoccolma, New York, Parigi…la capofila di questi eventi è sicuramente Greta Thunberg, la sedicenne ha ispirato milioni di ragazzi in tutto il mondo a lottare contro il cambiamento climatiche. La prima manifestazione è stata salutata da un tweet della ragazza

“Questo è grande, Melbourne”

Si è calcolato che hanno partecipato ben 100.000 persone.

E’ il terzo grande evento di una serie d’iniziative globali, che hanno lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo il cambiamento climatico, tutti guidati da Greta Thunberg. In molti hanno scelto d’aderire al Global Climate Strike come sindacati, gruppi umanitari, organizzazioni ambientaliste e alcune compagnie globali.

Il programma dell’iniziativa

Tra i 4.638 eventi, sono previsti oltre 1.240 azioni concrete in 37 paesi d’Europa. Centinaia di piazze italiane, in Germania sono le apri fila di queste manifestazioni dell’Europa, dove sono previsti oltre 500. Un numero considerevole, se pensiamo che negli Stati Uniti, abbiamo 800 eventi.

Si tratta di un periodo di mobilitazione mondiale del tutto simile all’azione Friday’s for Future che a marzo ha visto in piazza milioni di persone che si sono mobilitate in tutto il mondo. Grazie a Greta Thunberg ha incitato numerosi studenti che hanno iniziato a lottare per il bene del pianeta.