Home Politica Giuseppe Conte, linea dura durante l’incontro in Lombardia: “Non possiamo tornare alla...

Giuseppe Conte, linea dura durante l’incontro in Lombardia: “Non possiamo tornare alla normalità”

CONDIVIDI

Il Premier Giuseppe Conte ha incontrato giornalisti e il Governatore della Lombardia durante il suo incontro nella serata e notte. Ecco le sue parole.

Giuseppe Conte, linea dura durante l'incontro in Lombardia: "Non possiamo tornare alla normalità"
Giuseppe Conte

Tantissime le domande dei giornalisti su alcuni nodi ancora da sciogliere per il Premier Giuseppe Conte durante il suo incontro in Lombardia.

Le parole del Premier in Lombardia

Al suo arrivo a Milano il premier Giuseppe Conte ha incontrato i giornalisti e ha dovuto rispondere a molte domande sulle nuove dichiarazioni in merito alla Fase Due:

“tutti speravano di tornare presto alla normalità, ma non ci sono le condizioni per farlo – ce lo dobbiamo dire in modo chiaro e forte.

Risponde anche in merito alla questione delle Messe, nodo che ha sollevato non poche polemiche:

“lavoreremo per definire un protocollo di massima sicurezza in pieno spirito di collaborazione con il Cei”

Non solo giornalisti, perché il Premier è atterrato a Milano nel tardo pomeriggio proprio per incontrare alcune personalità di spicco anche a Bergamo e Brescia. Nella giornata di oggi in agenda ci sono le città di Lodi e Codogno proseguendo poi per Piacenza:

“non sono venuto nella fase più criticaperché l’apporto del presidente del consiglio avrebbe creato intralcio. ritornerò presto, c’è sempre una situazione di grande emergenza ma è una fase in cui forse do meno intralcio”

Ad aspettarlo, il Governatore Fontana e il sindaco di Milano Sala nonché il presidente di Confindustria Carlo Bonomi e il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli: gli incontri sono avvenuti separatamente, con una tempistica di 15 minuti ciascuno:

“la fase due è quella della convivenza con il virus, non della liberazione. dobbiamo continuare ad agire in modo responsabile”

Il Premier assicura anche le famiglie con un piano strategico studiato ad hoc:

“stiamo studiando misure per sostenere le famiglie, oltre al bonus baby sitter e congedi straordinari”