Home Politica Giuseppe Conte, l’annuncio sulla Fase Due: “Riaprire tutto ora sarebbe irresponsabile”

Giuseppe Conte, l’annuncio sulla Fase Due: “Riaprire tutto ora sarebbe irresponsabile”

CONDIVIDI

Giuseppe Conte annuncia quali sono le prossime mosse in prossimità della fase due italiana, avvertendo che entro la settimana si potrà avere un piano specifico.

Giuseppe Conte, l'annuncio sulla Fase Due: "Riaprire tutto ora sarebbe irresponsabile"

Giuseppe Conte posta il suo annuncio su Facebook e confida di dare agli italiani un piano specifico di ripartenza entro la settimana. Ecco le sue parole.

La Fase Due dal 4 maggio 2020

Il Presidente del Consiglio ha postato le sue parole su Facebook arrivando direttamente a casa degli italiani, per parlare della seconda fase prevista dal 4 maggio:

“Prima della fine di questa settimana confido nel comunicarvi e di illustrarvi i dettagli del programma”

Un piano che verrà applicato in maniera ragionevole, salvo variazioni e modifiche evidenziando che:

“riaprire tutto ora sarebbe irresponsabile. farebbe risalire la curva del contagio in modo incontrollato e vanificherebbe tutti gli sforzi fatti”

Mette in luce inoltre il fatto di non poter affidarsi alle improvvisazioni, senza abbandonare – soprattutto – la linea della cautela:

“non possiamo affidarci a decisioni estemporanee pur di assecondare una parte dell’opinione pubblica o di soddisfare le richieste di alcune categorie produttive, singole aziende o specifiche Regioni”

Nel post si mette anche in evidenzia il fatto di dover ottenere al più presto un piano nazionale per ogni singolo territorio e delle sue caratteristiche:

“dobbiamo riaprire prendendo in considerazione tutti i dettagli e che incroci tutti i dati”

Parla poi delle riaperture aziendali, sottolineando di dover mettere al primo posto il flusso dei lavoratori, gli spostamenti, la sicurezza all’interno di una struttura:

“come possiamo garantire all’interno dei mezzi di trasporto la distanza sociale?”

La Fase Due, conferma il Premier, verrà portata avanti dal Governo che prenderà decisioni in totale ed esclusivo interesse di tutti i cittadini di ogni Regione:

“non permetterò che si creino divisioni. dobbiamo marciare uniti e mantenere alto lo spirito della comunità. questa è stata la nostra forza”