Home Cronaca Giovinazzo, ritrovate le due sorelline fuggite dalla comunità: nascoste sotto i sedili...

Giovinazzo, ritrovate le due sorelline fuggite dalla comunità: nascoste sotto i sedili di un treno

CONDIVIDI

Ad annunciarlo il sindaco di Giovinazzo, Tommaso Depalma, che ha aggiornato i suoi concittadini della bella notizia.

ritrovate sorelline scomparse

Melania e Simona erano scomparse lo scorso venerdì dalla comunità rieducativa “Legami e talenti”.

La scomparsa delle due sorelline

Era lo scorso venerdì quando Melania e Simona, due sorelle di 14 e 12 anni, fecero perdere le loro tracce.

Le due si erano allontanate dalla comunità rieducativa di Giovinazzo Legami e Talenti.

A lanciare l’allarme erano stati gli educatori della struttura, che avevano riferito di un allontanamento volontario.

Le due sorelle avevano lasciato i cellulari nella struttura ed erano quindi scattate le ricerche ufficiali.

Leggi anche –> Roma, uccide la madre con una fiocina da sub e si spara in un occhio: dramma all’Eur

Ritrovate a bordo di un treno

Sono state ore di ansia e preoccupazione, finché, questa mattina, Melania e Simona non sono state ritrovate su un treno che percorreva la tratta Giovinazzo-Molfetta.

I carabinieri, sospettando che le due ragazzine fossero a bordo di quel convoglio ferroviario, hanno quindi fermato il treno e sono scattati i controlli.

Le due sorelle si erano nascoste dietro un sedile del treno.

Ad annunciare la lieta notizia è stato il sindaco di Giovinazzo, Tommaso Depalma, che ha pubblicato un post sulla pagina facebook, per aggiornare i suoi concittadini.

“Con grande gioia condivido con voi la notizia del ritrovamento delle due sorelle Sigrisi scomparse da venerdì scorso dalla comunità di Giovinazzo dove risiedevano. Un ringraziamento speciale alle nostre forze dell’ordine della Stazione dei Carabinieri di Giovinazzo”

si legge nel post del primo cittadino.

Non è chiaro il motivo dell’allontanamento, ma sul caso sono in corso le indagini delle forze dell’ordine.

Leggi anche –> Benno Neumair lascia l’isolamento: trasferito in cella con altri due killer