Home News Giornata mondiale degli alberi, le 10 bufale da conoscere sui nostri boschi...

Giornata mondiale degli alberi, le 10 bufale da conoscere sui nostri boschi italiani

CONDIVIDI

La giornata mondiale degli alberi ha spinto a molte iniziative, ma scopriamo lo stato dei nostri boschi

Giornata mondiale degli alberi
Giornata mondiale degli alberi

Giornata mondiale degli alberi: abbiamo già affrontato l’argomento di come Legambiente si stai mobilitando in questo fine settimana per poter piantare centinaia di alberi. Esistono alcuni miti duri a morire, scopriamo quali sono.

Le 10 bufale o miti che riguardano i nostri boschi

Sono tantissime le bufale o miti che trattano in modo approssimativo il nostro patrimonio boschivo. Vediamo quali sono

  1. I boschi italiani stanno scomparendo: tutto il contrario. Abbiamo una fortissima espansione, basti pensare che dalla fine della prima guerra mondiale, in un secolo abbiamo triplicato il nostro patrimonio boschivo e anche quest’anno, si è registrato un aumento. Negli anni ‘2° avevamo circa 4 milioni di ettari di boschi, oggi se ne contano più di 11 milioni.
  2. Bosco solo una fonte di legname: non solo, infatti gli alberi e le piante ci offrono protezione del suolo e dal dissesto idrogeologico, regolazione del ciclo dell’acqua, biodiversità…
  3. I boschi italiani sono tutti d’origine naturale:in realtà sono frutto dell’opera dell’uomo, circo l’88% derivano da semi-naturale, oppure sono stati modellati dall’uomo nel corso di secoli
  4. I boschi sanno regolarsi e non vanno toccati: nulla di più falso. Occorre gestirli nel modo migliore per mitigare gli effetti derivanti dai cambiamenti climatici, dall’instabilità idrogeologica, dagli incendi, dalla diffusione di patogeni e di specie invasive.
  5. Chi taglia gli alberi è una brutta persona: falso, dipende dai motivi per cui lo fa. Se fatto con i giusti criteri, in modo selettivo utilizzando un approccio di selvicoltura naturalistica, si possono ricreare le dinamiche naturali del bosco.
  6. Maggior uso di legno e carta, porta a meno boschi: la carta può essere prodotta da riciclo oppure tagliando le piante seguendo i ritmi naturali di rigenerazione del bosco. Usare inoltre il legno, sostituisce le plastiche.
  7. I boschi sono esclusivamente un bene demaniale: in realtà scopriamo che circa il 63% dei boschi italiani è di proprietà privata, individuale o familiare.
  8. Il fuoco, il nemico dei boschi: affermazione non del tutto vera, perché gl’incendi d’origine naturale seppur rari esistono. Quello che bisogna temere è l’abbandono.
  9. Le foreste non hanno valore economico: falso, dato che il loro valore si aggira a circa 450 euro per ettaro all’anno, pari a 85 euro per cittadino. Inoltre il bosco protegge dall’erosione del suolo e dalle alluvioni
  10. Quindi non ci sono problemi? Purtroppo le nostre foreste non sono getite in maniera sostenibile, abbiamo un fortissimo abbandono.