Home Spettacolo Giorgio Panariello ‘Mio fratello è morto per…’: l’attore rivela la terribile causa...

Giorgio Panariello ‘Mio fratello è morto per…’: l’attore rivela la terribile causa in diretta

CONDIVIDI

Giorgio Panariello ha parlato del fratello Franco a Domenica In. A Mara Venier ha rivelato la vera causa della morte del suo congiunto.

Durante l’ospitata a Domenica In, Giorgio Panariello ha parlato del fratello Franco, morto nel 2011 a soli 50 anni.

Giorgio Panariello e il lutto straziante

Il comico toscano, infatti, ha voluto far chiarezza sulla morte del congiuto, in modo da far capire alle persone cosa è successo davvero.

Il fratello di Panariello, infatti, non è morto per overdose, come molti giornali iniziarono a scrivere, ma per un’altra causa che i media non hanno ben sottolineato.

Giorgio Panariello: “Ecco come è morto mio fratello”

Giorgio Panariello ha parlato del fratello Franco, ospite a Domenica In. Con Mara Venier ha parlato della reale causa del decesso del suo amato fratello.

In molti, dissero che era morto per un overdose, in realtà, è spirato a causa del freddo.

Ecco le parole del comico toscano: “Mio fratello è morto di freddo, ma non per colpa della droga. Poteva succedere a me”.

Il 50enne ebbe un malore, mentre era a cena con amici. Questi ultimi lo lasciarono sul lungomare di Viareggio, dove Franco restò, fino a perdere la vita a causa dell’ipotermia.

Panariello: “Franco era buono”

Panariello, però, ribadisce – a più riprese – che il fratello è morto per quella fatalità e non per le droghe, seppur fosse vicino a quelle sostanze.

Nel corso della mia vita ho avuto la sua stessa disperazione ed anch’io ho rischiato di cadere nella trappola degli stupefacenti. Mi son fermato in tempo”.

Per far comprendere a tutti come andarono i fatti, in quel lontano 2010, Panariello ha scritto un libro, intitolato Io sono mio fratello, mediante il quale racconta la verità sulla morte di Franco.

L’ho scritto per lui, perché tutti sapessero la verità. Non è andato via per un’overdose”.

E conclude: “Franchino era buono, se non avesse incontrato l’eroina sarebbe stato tutto diverso“.