Home News Gino Strada, il fondatore di Emergency chiamato da Giuseppe Conte in Calabria

Gino Strada, il fondatore di Emergency chiamato da Giuseppe Conte in Calabria

CONDIVIDI

Gino Strada è il nome che è stato fatto dal Premier Giuseppe Conte per la Calabria. Ecco i dettagli di questa decisione.

Gino Strada, il fondatore di Emergency chiamato da Giuseppe Conte in Calabria

Il fondatore di Emergency Gino Strada è il nome fatto da Giuseppe Conte per la Calabria, al fine di ovviare a tutto il caos che si sta per creare.

Giuseppe Conte chiama il fondatore di Emergency

Il nome del fondatore di Emergency è stato fatto dal Premier Conte al fine di recarsi nelle aree più difficili e mettere in campo la sua esperienza nell’allestimento degli ospedali da campo in Calabria.

Questo è per scongiurare l’ennesimo caos e pensare a come risollevare la situazione sanitaria che sembra arrivata al limite. Come evidenzia Messaggero, il nome di Strada ha iniziato già ad essere nominato dopo le dimissioni di Saverio Cotticelli – Commissario della Sanità – proposto sia dalle Sardine e sia dal Movimento 5 Stelle. Nonostante la nomina del neo commissario Zuccatelli, il suo nome è continuato a circolare essendo un uomo di grande esperienza e che saprebbe come organizzare bene tutto il procedimento.

La nomina di Zuccatelli, nel mentre, continua a sollevare non poche polemiche dopo la diffusione del video dove l’uomo afferma che le mascherine non servino a nulla.

La telefonata di Giuseppe Conte

La decisione sembra man mano concretizzarsi a seguito della telefonata di Giuseppe Conte e Strada, fatta ieri nel pomeriggio come da conferma delle fonti di Palazzo Chigi che però non hanno aggiunto alcun commento o dettaglio in merito.

Sempre come si evince da Messaggero, sembra che Strada abbia detto di no al Premier nonostante non ci sia nulla di ufficiale. Secondo l’ipotesi il fondatore di Emergency dovrebbe affiancare Zuccatelli e non sostituirlo come in molti hanno ipotizzato. Il suo compito sarebbe quello di organizzare dei reparti anti coronavirus nonché ospedali da campo per fronteggiare l’epidemia e i numeri che salgono ogni giorno di più.