Home News Giappone, dopo l’esplosione del motore in volo sono stati fermati i Boeing...

Giappone, dopo l’esplosione del motore in volo sono stati fermati i Boeing 777

CONDIVIDI

Il governo del Giappone ha preso una drastica decisione dopo l’incidente avvenuto a bordo della United Airlines che ha causato una pioggia di detriti.

Giappone
Già lo scorso dicembre un Boeing 777 fu protagonista di un guasto in volo.

L’incidente avvenuto in Colorado del Boeing della United Airlines, episodio nel quale un motore del velivolo prese fuoco innescando una pericolosa pioggia di detriti, ha fatto riflettere il mondo dei trasporti. Una situazione ancora viva negli occhi del governo del Giappone il quale ha deciso di vietare i voli ai Boeing 777.

Ad aver presto fuoco è stato un motore Pw 4000

L’aereo ha accusato il guasto mentre raggiungeva Honolulu. Come detto, quindi, il ministro dei trasporti giapponese, ha inoltrato la richiesta per sospendere tutti voli dotati dello stesso motore esploso, il Pw 4000.

Le società di volo giapponesi hanno assecondato la richiesta del ministro

Entrambe le aerolinee nipponiche, la All Nippon Airlines (Ana) e la Japan Airlines (Jal), hanno risposto in maniera positiva alla richiesta. Le due realtà, infatti, dispongono rispettivamente 19 e 13 aerei Boeing 777 motorizzati con il Pw 4000, lo stesso modello, quindi, ad aver avuto il guasto in America.

Sfortunatamente però, quello in Colorado non è stato l’unico incidente a coinvolgere i Boeing 777. Basta tornare indietro, infatti, solo al 4 dicembre per ricordare un problema simile manifestato da un aereo della Japan Airlines partito da Tokyo Haneda e diretto a Naha, nell’isola di Okinawa.

Anche qui, quindi, la copertura del motore si staccò dalla fusoliera lasciando i turboreattori scoperti e l’aereo fu costretto a compiere un atterraggio di emergenza. Insomma due indizi fanno una prova e per questo motivo si è deciso di indagare sulla vicenda.

Per combattere il manifestarsi di ulteriori problemi, quindi, gli analisti stanno lavorando ad un processo di manutenzione dei vettori a livello globale. Quest’ultimi, infine, potranno approfittare del ridimensionamento delle compagnie aeree e dei voli portato dal covid e dalla conseguente pandemia per lavorare al meglio.