Home Spettacolo Gianluca Vialli a “Che tempo che fa”: “Sono malato ma non...

Gianluca Vialli a “Che tempo che fa”: “Sono malato ma non voglio morire…”

CONDIVIDI

Gianluca Vialli ospite a “Che tempo che fa” di Fabio Fazio su Rai 1 racconta la sua battaglia contro il cancro e della vita che sta vivendo adesso

Gianluca Vialli ospite da Fabio Fazio ha raccontato del malore che da un po di tempo lo ha colpito. Vialli nell’intervista a “Che tempo che fa” ha spiegato in che modo il cancro gli abbia cambiato completamente la vita. Una malattia che sta continuando a combattere e che combatterà con tutte le sue forze finché non ne uscirà vincitore.

Il dolore di Gianluca Vialli

Durante l’intervista l’uomo ha spiegato con voce tramante la battaglia che ogni giorno affronta a causa delle malattia. Una battaglia che non ha intenzione di perdere per nessuna ragione, ma di continuare a resistere sopratutto per la sua famiglia, che ama sopra ogni cosa. Lo stesso Vialli infatti dice:

«Faccio fatica a dirlo ma credo che questa esperienza, di cui si farebbe volentieri a meno mi abbia reso una persona migliore. Ti aiuta a vedere le cose in un altra prospettiva, dai più valore alle cose, alla famiglia, devi prenderti cura di te stesso. È una cosa che se viene va sfruttata per diventare persone migliori»

Il suo unico obiettivo, come racconta a Fabio Fazio, è quello di riuscire a sconfiggere questa brutta malattia che purtroppo colpisce milioni di italiani l’anno. Il cancro purtroppo è una malattia silenziosa, coglie senza preavviso e quasi sempre ci trova impreparati e ci stravolge totalmente la vita, infatti Vialli afferma:

 

«È successo in maniera improvvisa e l’ho affrontata come quando facevo il calciatore. Mi sono dato subito degli obiettivi a lunga scadenza: non morire prima dei miei genitori e portare le mie figlie all’altare quando si sposeranno – ha affermato Vialli -. E poi degli obiettivi a breve scadenza: l’operazione la degenza, la chemio, la radio, andare di nuovo in vacanza in Sardegna con un fisico da far vedere…

…Non voglio morire prima dei miei genitori e  voglio portare le mie figlie all’altare quando si sposeranno… »

Molti sono stati i messaggi di solidarietà per l’ex allenatore che ancora oggi sta combattendo la battaglia contro il cancro.