Home Casi Giallo Caronia, “Nessuna traccia umana sul traliccio né morsi di animale”: le...

Giallo Caronia, “Nessuna traccia umana sul traliccio né morsi di animale”: le novità

CONDIVIDI

Incredibili nuovi scenari si stanno delineando sul giallo di Caronia, la Procura ora indaga sulla psicologia di Viviana.

Giallo di Caronia, nuove rivelazioni smontano tesi della famiglia
Il giallo di Caronia

Gli ultimi dati dei rilevamenti scientifici escludono la presenza di Viviana e Gioele sul traliccio. Ma allora cosa è accaduto alla dj è a suo figlio a Caronia?

Nessuna traccia umana né morsi di animale

Nelle scorse settimane era emerso che alcune tracce, almeno 3 erano state ritrovate sul traliccio dell’Enel accanto al quale è stato ritrovata Viviana Parisi dopo la scomparsa del 3 agosto.

Ora la Scientifica da un’indicazione che nessuno aveva preso in considerazione.
Delle tracce rinvenute fino ad un’altezza di 2.50 metri, nessuna può essere ricondotta ad esseri umani.

Non solo, ancora più disarmanti sono le indiscrezioni sui risultati dell’autopsia effettuata da Elvira Spagnolo e Daniela Sapienza. I due medici legali con mandato della Procura avrebbero infatti dimostrato che non vi sono morsi di cani sul corpo di Viviana.

Cade l’ipotesi della famiglia secondo cui la presenza di un morso di cane sul gomito della dj avrebbe spiegato un’aggressione dalla quale la donna cercava di sfuggire, riparandosi il volto.

La nuova pista della Procura

A più di due mesi la morte di Viviana e Gioele nelle campagne di Caronia resta un mistero irrisolvibile.

Chi o cosa avrà fatto del male alla mamma ed al suo piccolo di 4 anni? Come sono morti? Viviana era davvero depressa e potrebbe aver fatto male a Gioele?

La Procura è tornata a vagliare l’ipotesi dell’alterato stato psichico della dj di Messina.

Il noto psichiatra e criminologo Massimo Picozzi ha infatti avuto mandato di raccogliere il racconto di chi accolse Viviana al pronto soccorso ed accertò le sue crisi psichiche tanto da emettere quei certificati trovati poi nel cruscotto dell’auto.

Ben due ricoveri a marzo e poi a maggio quando aveva ingerito, pare inavvertitamente, alcune pillole di antipsicotico come riporta Il Fatto Quotidiano.

“Le indagini conducono ad una situazione psicologica a cui prestare attenzione,”

Aveva dichiarato il procuratore di Patti Angelo Cavallo confermando che al vaglio degli inquirenti resta la tesi dell’omicidio-suicidio.
Le prossime settimane saranno decisive per fare luce su quanto avvenuto?