Home Spettacolo GF Vip, censura estrema su una frase di Dayane Mello. La regia...

GF Vip, censura estrema su una frase di Dayane Mello. La regia taglia: cosa ha osato dire

CONDIVIDI

Una conversazione bollente tra Dayane Mello e Giacomo Urtis non sfugge alle orecchie bioniche della regia e scatta la censura coatta. Inquadratura cambiata, momento censurato.

Dayane Mello, GF Vip 5

Censura esagerata e immotivata. È questa l’accusa che i telespettatori del Grande Fratello Vip 5 hanno rivolto al reality show di Canale 5. Il tutto è avvenuto durante il live di venerdì 20 novembre, quando durante una conversazione tra Dayane Mello e Giacomo Urtis, è stata censurato un argomento tabù.

GF Vip 5, la regia cambia inquadratura e censura Dayane Mello

Durante il leggendario gioco “Obbligo o verità”, l’eccentrico medico estetico ha rivolto un quesito piccante a Dayane Mello. “Hai mai avuto rapporti sessuali con più uomini contemporaneamente?”. Una domanda hot ma non così volgare. Di sicuro non in grado di urtare la sensibilità dei telespettatori.

La risposta della modella brasiliana era veramente meritevole di bollino rosso e richiamo della produzione? La pedante regia del Grande Fratello Vip ha ritenuto doveroso tagliare la scena e cambiare subito inquadratura.

GF Vip 5, la furia dei telespettatori: “Censura immotivata ed esagerata”

Sui principali social network, uno stuolo di telespettatori ha sottolineato come espressioni e battutine ben più volgari dei vipponi non siano mai state censurate. La regia del GF Vip passerebbe, dunque, dall’eccessiva censura al laissez-faire smodato.

Un evidente eccesso di zelo da parte degli addetti alla regia, non in grado di identificare e censurare le vere conversazioni da bollino rosso. Polemiche a parte, la replica di Dayane Mello al quesito di Giacomo Urtis resta un grande punto di domanda, in grado di attanagliare la curiosità del pubblico.

La conversazione incriminata, infatti, ha scatenato la curiosità del popolo della rete, che ha apostrofato “bigotta ed esagerata” la scelta della regia.