Home Spettacolo ‘Sono un miracolato’ Gerry Scotti rivela l’inaspettato retroscena del suo privato

‘Sono un miracolato’ Gerry Scotti rivela l’inaspettato retroscena del suo privato

CONDIVIDI

Gerry Scotti si è recentemente sottoposto ad una lunga intervista a ‘Trova Lavoro’. Il conduttore di Caduta Libera rivela l’inaspettato retroscena privato

Gerry Scotti, il miracolo della sua vita

Gerry Scotti è uno dei più grandi conduttori che la televisione abbia mai visto.

Padrino dei più grandi quiz show di tutti i tempi come ‘Chi vuole essere miliardario’ e ‘Caduta Libera’ è riuscito a conquistare il cuore dei telespettatori italiani grazie alla sua sapiente professionalità e ironia.

Recentemente si è sottoposto ad una lunga intervista alla Rubrica della nota testata ‘Il Corriere della sera’, ‘Trova Lavoro’.

Il conduttore rivela così un’inaspettata retroscena privato. Scopriamo di più.

Gerry Scotti: ‘Sono un miracolato’

Il conduttore di Caduta Libera nel corso una recente intervista si è raccontato a cuore aperto, rivelando un retroscena inerente al suo privato professionale che ha stupito i fan. Ecco cosa ha raccontato a ‘Il Corriere della sera’:

‘Mi ritengo un miracolato, non faccio esattamente un lavoro, ma un mestiere che ha le sue complicazioni, il suo stress’

e ancora:

‘ma credo che chi fa il mio lavoro non ha il diritto di andare a casa la sera e dire ‘come sono stanco’

Ha dichiarato Gerry Scotti.

Gerry Scotti rivela il suo dramma familiare

Il celebre presentatore ha poi raccontato ai lettori, che sin da piccolo i suoi genitori e i suoi nonni si sono fatti portavoce di grandi valori come il valore dei soldi e della fatica, essendo stati questi dei grandi lavoratori. Ecco cosa ha rivelato a tal proposito:

‘Vengo da una famiglia che aveva ben chiaro il concetto di lavoro’

Poi ha aggiunto:

O vedevo un nonno stanco che tornava dalla campagna o un nonno stanco perché si alzava alle 3 di notte’

E ancora la condizione necessaria che il padre dovette affrontare per donare alla sua famiglia un futuro migliore:

‘Così mio padre, per scappare da quei due destini ha deciso negli anni ’60 di andare a Milano a fare l’operaio alle rotative del Corriere della Sera’

Questo trasferimento racconta ancora Gerry Scotti è stato fondamentale per la sua carriera, infatti al proposito rivela che con molte probabilità se così non fosse stato, non sarebbe il conduttore di successo che noi tutti oggi conosciamo.