Home Spettacolo Gerry Scotti, febbre e forte tosse: in Radio la brutta notizia sulla...

Gerry Scotti, febbre e forte tosse: in Radio la brutta notizia sulla sua salute

CONDIVIDI

Ai microfoni di  Radio DeeJay il conduttore parla del decorso della malattia: ‘Sono un carcerato di lusso ma ho febbre, tosse e ossa rotte’. Ecco come sta ora.

Un brutto colpo per Gerry Scotti che, solo pochi giorni fa, è intervenuto sui social per informare il suo grande pubblico di essere positivo.
Mediaset dovrà fare a meno della sua punta di diamante ancora per un po’. Il conduttore, infatti, è tutt’altro che asintomatico.

gerry scotti intervista in radio

 

Ai microfoni di Radio DeeJay ha raccontato di essere in isolamento e di come sta affrontando questa situazione.

Il nostro Paese è ancora alle prese con un nemico invisibile e i numeri di contagi continuano a salire costantemente. Ogni giorno la curva dei contagi cresce esponenzialmente e tra i contagiati figurano anche numerosi volti noti del mondo dello spettacolo come Gerry Scotti.

Proprio questo ultimo, tramite il suo account ufficiale di IG, ha rivelato di essere positivo.

Il popolare conduttore Mediaset, 64 anni, è in isolamento e pare si sarebbe contagiato in seguito al contatto con un parente stretto. Intervistato da Radio Deejay, ha parlato della sue attuali condizioni di salute.

Come sta oggi il noto conduttore?

Con una telefonata alla nota Radio con Linus e con Nicola Savino, è arrivato il momento di fare ulteriormente chiarezza. Così ha fatto Scotti, descrivendo nel dettaglio le sue condizioni ai due speaker radiofonici.

Gerry Scotti è alle prese con una brutta influenza: ha tosse molto forte e tanta stanchezza. Ma si ritiene comunque fortunato nonostante tutto. Il conduttore confessa che gli manca il lavoro:

Abbiamo la fortuna di stare in una stanza con il bagno, mi bussano, mi lasciano i pasti davanti alla porta, è un po’ come un carcerato ma di lusso. Dormo bene. Se mi manca il lavoro? Si, io sono uno molto attivo. 

Inoltre, ringrazia ancora una volta tutti coloro che gli hanno dimostrato vicinanza ed affetto in questo periodo.