Home News “George Floyd e il poliziotto Chauvin avevano avuto dei contrasti”: la verità...

“George Floyd e il poliziotto Chauvin avevano avuto dei contrasti”: la verità dietro la morte del 46enne

CONDIVIDI

Pare che George Floyd avessero avuto degli attriti quando lavoravano insieme: a dichiararlo un uomo che aveva lavorato con entrambi in discoteca.

george floyd

Intanto, Thomas Lane, uno dei quattro agenti coinvolti nel fermo di George Floyd è stato rilasciato, dietro il pagamento di una cauzione di un milione di dollari.

L’arresto dei 4 poliziotti

Era il 25 maggio scorso quando George Floyd, 46enne afroamericano, venne fermato da 4 agenti di polizia, mentre era alla guida della sua auto.

Il poliziotto Derek Chauvin, 19 anni di carriera alle spalle e diverse denunce per razzismo, tenne fermo il 46enne, premendogli il ginocchio sul collo, per quasi 9 minuti.

All’arrivo dei soccorsi, George Floyd era già morto.

“I cant’breathe” è diventato lo slogan della protesta, che dal giorno della morte dell’afroamericano, non si è mai fermata, aarivando anche in Italia.

Derek Chauvin, che ora rischia fino a 40 anni di carcere, è accusato di omicidio volontario.

Incriminati gli altri 3 agenti presenti al momento del fermo di Floyd.

I tre poliziotti agenti incriminati sono: Thomas Lane, J. Alexander Kueng e Tou Thao. I poliziotti erano già stati licenziati quando era scoppiato il caso Floyd. Come riferisce anche Fanpage, Thomas Lane è stato già liberato dietro il pagamento di una cauzione di un milione di dollari.

Attriti tra Floyd e Chauvin

Pare che tra George Floyd e Derek Chauvin ci fossero degli attriti, già tempo prima dell’arresto. A dichiararlo un uomo che aveva lavorato con entrambi nella discoteca El Nuevo Rodeo di Minneapolis, incendiata durante le proteste.

Il testimone avrebbe dichiarato di alcuni contrasti che il 46enne e l’agente avrebbero avuto, sosprattutto per via del comportamento aggressivo di Chauvin.

La tesi del testimone trova riscontro anche nelle dichiarazioni dei familiari di Floyd, secondo i quali la morte del 46enne non sarebbe legata soltanto a motivi di carattere razziale, ma anche personali.