Home Cronaca Genova: cercano di truffare una donna anziana con la scusa del covid

Genova: cercano di truffare una donna anziana con la scusa del covid

CONDIVIDI

Cercano di estorcere denaro ad un’anziana con la scusa che la figlia si era ammalata di covid. La prontezza della donna ha sventato la truffa.

Arrestata una donna di origini polacche, stava cercando di estorcere denaro ad una anziana donna.

Truffa agli anziani

Le truffe non conoscono battute d’arresto, e il covid può essere utilizzato per ingannare le persone, colpendole in ciò che hanno di più caro: la famiglia.

L’anziana signora di Genova, però ha fatto tutto tranne che abboccare all’amo. In questo caso la donna di 73 anni non si è persa d’animo, quando al telefono una donna le ha detto:

“Sua figlia ha il covid, è in pericolo di vita. Deve fare due punture ma servono 7mila euro”.

Come riportato da Affaritaliani, l’anziana donna non si è scomposta e, dopo aver capito le loro intenzioni, senza far trapelare nulla, ha tranquillamente ha chiamato la polizia.

Grosso errore quello dei truffatori, la signora non avendo alcuna figlia ha subito capito che era un inganno, volevano estorcerle del danaro.

L’arzilla signora ha pensato bene di prendere tempo, quel tempo che le ha  permesso di avere dalla polizia l’appoggio necessario per arrestarli.

La trappola

Una volta presi accordi con la polizia, la donna si è prestata ad intrattenere una conversazione con i truffatori per dare modo agli agenti di preparare la trappola.

L’abitazione della signora a quel punto è stata controllata da agenti, sia all’interno che all’esterno. Una volta stabilito che la consegna di denaro e oggetti d’oro erano pronti, per aiutare la presunta figlia malata di covid, è scattata la trappola. Da li a poco sarebbe arrivata una “responsabile” a ritirare il sacchetto.

Consegnato il pacchetto alla ragazza polacca di 20 anni, sono intervenuti i poliziotti che le hanno trovato indosso, 5000 euro, in banconote da 50 e 100 euro. Quello era il frutto di un altra truffa ai danni di un’anziana di Campomorone, anche lei a Genova.

In questo caso alla signora era stato detto che il figliolo aveva avuto un incidente, e che senza quel denaro sarebbe andato in prigione.