Home News Gemelle siamesi separate, le parole del neurochirurgo: “Sono felice”

Gemelle siamesi separate, le parole del neurochirurgo: “Sono felice”

CONDIVIDI

Carlo Marras è il neurochirurgo che ha operato le due gemelle siamesi e si è detto felice del risultato.

gemelle siamesi

Le gemelle siamesi sono state operate il 5 giugno, nel corso di un intervento che ha visto coinvolto uno staff di 30 persone.

Parla Carlo Marras

Il neurochirurgo del Bambino Gesù di Roma, Carlo Marras è il responsabile dell’operazione delle due gemelle siamesi. L’intervento è avvenuto lo scorso 5 giugno ma, il neurochirugo, ha rilasciato in questi giorni, una intervista a Repubblica. L’intervento, durato 18 ore, ha coinvolto un team di 30 persone a cui capo c’era Marras, appunto. Nel corso dell’intervista, il medico si è detto tanto felice da camminare due metri da terra.

Ervina e Prefina erano attaccate per la testa ovvero craniopaghe totali, una malformazione molto rara che si presenta ogni due milioni di bambini vivi e ogni 100 mila coppie di gemelli.

Chi è Marras

Carlo Marras è un neurochirurgo cinquanteseienne, originario della provincia di Cagliari, precisamente di Quartu Sant’Elena. E’ stato lui l’autore del primo intervento di questo tipo a livello mondiale. Il tuo team, composto da 30 persone, ha dovuto prepararsi per un anno prima di poter affrontare l’intervento. Il team era composto da: neurochirurghi, anestesisti, neuroradiologi, chirurghi plastici, neuroriabilitatori, ingegneri, infermieri e fisioterapisti.

Come si legge su Fanpage, Marras ha affermato:

“La delicatissima operazione ha richiesto un lavoro di preparazione di un anno, per studiare e provare sulla base della letteratura scientifica tutte le procedure che sarebbero state messe in pratica durante l’intervento, stilando un documento di 50 pagine e utilizzando ricostruzioni in 3D e neuronavigatore per la simulazione”.

Marras ricorda il momento della separazione e l’emozionante incontro della madre con le due gemelline ormai separate. Ad oggi, è trascorso un mese dall’intervento e le piccole potranno essere autonome ed indipendenti.