Home Cronaca Tragedia a Galatone, operai travolti mentre potano gli alberi: ecco chi sono...

Tragedia a Galatone, operai travolti mentre potano gli alberi: ecco chi sono le 4 vittime

CONDIVIDI

Tragedia sul lavoro a Galatone, in provincia di Lecce: 4 persone sono morte. Tre di loro stavano potando degli alberi

galatone

Quattro persone morte per un incidente sul lavoro a Galatone. Cosa è accaduto?

La dinamica dell’incidente

Stavano potando degli alberi sulla circonvallazione Galatone, l’arteria che, dalla strada statale 101, porta a Galatina e poi a Neviano, quando sono stati sbalzati via da un’auto.

Pare che un uomo alla guida di una Golf Volkswagen, durante un sorpasso, abbia impattato contro il camion degli operai, posteggiato sul ciglio della strada.

Il mezzo pesante avrebbe quindi travolto 4 operai che stavano potando gli alberi. Per 3 di loro non c’è stato più nulla da fare, un quarto giardiniere è ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale Vito Fazzi di Lecce. A perdere la vita anche il conducente della vettura che ha effettuato il sorpasso, travolgendo il camion.

Chi sono le vittime della tragedia

Sul luogo della strage a Galatone sono immediatamente accorsi Vigili del Fuoco e Forze dell’ordine. Tre operai sono morti sul colpo, il sopravvissuto si trovava sul cestello, quindi l’impatto non gli è stato fatale, anche se le condizioni restano molto critiche.

A perdere la vita anche Alessandro Liuori, 44 anni, conducente della vettura che, per cause ancora tutte da accertare, ha perso il controllo dell’auto, finendo la sua corsa contro il camion che ha travolto gli operai.

Le altre 3 vittime sono: Pasquale Filieri, titolare dell’impresa, 62 anni, Toni Mezzi, 34 anni, e Luigi Casaluci, 64 anni.

I 3 uomini che stavano potando gli alberi lavoravano per la ditta
Eco.Man Salento, di proprietà di Filieri. La Golf Volkswagen ha impattato contro il retro del camion parcheggiato in via Giorgio Almirante, dove le 3 vittime stavano caricando le fronde appena potate.

Il quarto operaio è riuscito a salvarsi perché nel momento del tragico incidente si trovava nel cestello in alto, per tagliare gli alberi che sporgevano sulla carreggiata.