Home News Gaffe in diretta per il neo commissario della sanità Zuccatelli

Gaffe in diretta per il neo commissario della sanità Zuccatelli

CONDIVIDI

Il nuovo commissario della sanità Calabrese Giuseppe Zuccatelli è andato immediatamente sotto i riflettori per una gaffe in diretta.

zuccatelli

Zuccatelli ha ammesso, in un fuori onda, che le mascherine non servono.

E’ positivo al coronavirus

Il nuovo commissario della sanità Calabra è Giuseppe Zuccatelli. Il neocommissario fresco di nomina da parte del Consiglio dei Ministri, si è aggiudicato già un posto sotto i riflettori a causa di una gaffe. Credendo di essere fuori onda, infatti, Zuccatelli in un video risalente a marzo, ha affermato che le mascherine non servono a nulla. Dal video dice che, invece, serve solo la distanza.

Il video ha iniziato a girare sui social. Il super manager che è stato alla guida dell’Asp di Cosenza per 4 mesi, non sapeva di essere ripreso quando ha fatto la gaffe sul covid.

Infatti, Zuccatelli, che attualmente è positivo al covid, ha dovuto rettificare a mezzo stampa con un annuncio:

“Le mascherine sono parte della fondamentale strategia di contrasto al Covid-19. Quindi, invito tutti ad utilizzarle, così come a rispettare il distanziamento fisico”.

Una reazione doverosa dopo le reazioni della stampa derivate dalla diffusione del video.

Zuccatelli ha rettificato

Zuccatelli, nella nota che ha dovuto diffondere, ha affermato che nella prima ondata della pandemia, alcuni membri della comunità scientifica credevano che le mascherine fossero addirittura dannose per la salute. Soltanto con l’esperienza maturata si è capito che, in realtà, fosse il contrario.

Inoltre, il neo commissario ha affermato anche che le sue affermazioni erano state tratte da una conversazione che sarebbe dovuta rimanere privata.

Un’altra polemica è stata il fatto che Zuccatelli ha dichiarato nel corso di una trasmissione su Rai 3, di non sapere di dover essere lui a predisporre il piano per la Calabria.

Intanto, Speranza ha commentato il video dicendo che era inopportuno ma il commissario si è giustamente scusato.