Home Spettacolo Gabriel Garko in un locale gay francese: la rivelazione a distanza di...

Gabriel Garko in un locale gay francese: la rivelazione a distanza di anni sull’attentato alla sua vita

CONDIVIDI

Gabriel Garko si è concesso recentemente ad una lunga intervista a Chi. L’attore Torinese ha raccontato al settimanale del suo privato e di alcuni aneddoti della sua vita: dal tentato abuso subito all’attentato alla sua vita. Scopriamo tutti i dettagli

Gabriel Garko intervistato da Chi
Gabriel Garko

Dario Gabriel Oliviero, in arte Gabriel Garko è uno degli attori più apprezzati del panorama televisivo e cinematografico italiano.

Molto amato e stimato dal pubblico, l’attore torinese è sempre stato molto riservato rispetto ad alcuni dettagli inerenti al suo privato.

Di recente in occasione della presentazione del suo nuovo libro ‘Andata e Ritorno’ una sua autobiografia, Gabriel Garko si è raccontato a cuore aperto rivelando alcuni aneddoti molto particolari quanto delicati della sua vita alla rivista ‘Chi’ di Alfonso Signorini. Scopriamo di più.

Gabriel Garko confessa: ‘Un uomo sposato ha tentato di abusare di me quando avevo 17 anni’

Sempre stato molto riservato, per la prima volta, l’attore di ‘Onore e Rispetto’ ha rivelato ai lettori di ‘Chi’ una delle esperienze più forti e traumatiche mai vissute nella sua vita.

Infatti come racconta, ha subito un tentato abuso da parte di un uomo sposato, quando aveva solo 17 anni. Un’evento che credeva di aver rimosso ma che invece ‘è ritornato prepotente a fargli visita’:

‘Quando aveva 17 anni un uomo sposato, con figli e molto più grande tentò di abusare di me’

poi prosegue rivelando che dallo ‘schifo’ provato da quella sera iniziò a fumare mantenendo il segreto su quella vicenda, e il motivo per cui non lo ha mai raccontato prima d’ora:

‘Avrebbe significato voler far parlare a tutti i costi di me e io non ho mai cavalcato le notizie per farmi pubblicità’

‘Forse volevano farmi fuori’ Gabriel Garko parla delle minacce e del tentato attacco subiti nel 2014

L’intervista prosegue, e l’attore rivela un’altro particolare aneddoto della sua vita, risalente al non molto lontano 2014 quando qualcuno attentò alla sua vita ‘sabotando ad arte’ la sua auto.

In giro per lavoro, come rivelò al Corriere al tempo dell’incidente, improvvisamente le luci della macchina si spensero durante una curva di notte, ciò lo mandò fuori strada, ma fortunatamente riportò solo qualche contusione.

Nonostante le continue denunce non è mai venuta fuori l’identità del mandante:

‘Nel 2014 tentarono di sabotarmi la macchina, forse volevano farmi fuori’

poi continua rispondendo alla domanda del giornalista che gli chiede cosa potrebbe spingere qualcuno a volergli ‘fare del male‘:

‘faccio fatica a spiegarmelo anche io. Nonostante le denunce fatte non ho mai scoperto chi fosse il mandante’

poi prosegue rivelando di essere stato vittima di altri episodi di minacce:

‘Una volta fuori al cancello mi scrissero: Garko drogato’

Gabriel Garko in un locale Gay francese: ‘Sogno un modo senza etichette’

In ultima battuta durante la lunga intervista al settimanale ‘Chi’, l’attore ritorna a parlare di alcuni dei gossip di cui è stato protagonista degli ultimi mesi inerenti alla sua ‘presunta omosessualità’.

Partendo da una dichiarazione del giornalista che chiede a Gabriel Garko della sua serata a ‘Le Queen’ un locale Gay Friendly di Parigi, rimette in gioco l’argomento più chiacchierato degli ultimi mesi, verso cui l’attore ancora una volta non si sbilancia e risponde:

‘se uno deve farsi paranoie a entrare in un locale banalissimo per deduzioni c’è un problema e quel problema non è di certo il mio’

poi prosegue:

‘Sogno un mondo dove non ci sia più bisogno di raccontare quello che succede nella camera da letto tra due persone’

e ancora:

‘Dobbiamo superare le barriere, le etichette, i cliché e tutte queste maledette definizioni, lasciando a tutti la libertà di esprimersi come e quando vorranno’

L’attore torinese sogna dunque un mondo in cui sia possibile vivere la propria vita in totale libertà, e per tale ragione non ha voluto chiarire la sua ‘posizione’ solo per soddisfare la curiosità altrui.