Home Cronaca Tragedia funivia, il piccolo Eitan risponde alle cure: medici pronti ad un...

Tragedia funivia, il piccolo Eitan risponde alle cure: medici pronti ad un graduale risveglio

La Fondazione scuola Ebraica di Milano, dove il papà di Eitan lavorava, ha lanciato una raccolta fondi per sostenere il bambino e la sua famiglia.

tragedia funivia, condizioni Eiran

Intanto prosegue l’inchiesta per accertare le cause della strage. La Procura indaga per omicidio colposo plurimo, disastro colposo con messa in pericolo della sicurezza dei trasporti e lesioni gravissime.

Le condizioni del piccolo Eitan

Una raccolta fondi per sostenere il piccolo Eitan Biran, 5 anni, l’unico sopravvissuto alla strade della funivia Mottarone.

Ad avviarla la Fondazione scuola ebraica di Milano, dove il papà di Eitan, Amit Biran, lavorava come insegnante.

Nel tragico incidente il bambino ha perso il papà, la mamma, il fratellino di 2 anni, Tom, ed i bisnonni materni, giunti in Italia proprio la scorsa domenica per trascorrere un po’ di tempo insieme ai loro nipotini.

Dall’ospedale infantile Regina Margherita di Torino, dove il piccolo è ricoverato, si accende un cauto ottimismo.

Al momento si escludono lesioni al cervello o al midollo spinale.

Nella giornata di oggi i medici inizieranno cautamente a ridurre la sedazione, per provare a risvegliarlo.

La zia di Eitan, sorella di Amit, che lavora in Italia come medico, ha già annunciato che si occuperà lei di suo nipote, che nella tragedia di domenica ha perso tutta la sua famiglia.

Sarebbe stato proprio l’abbraccio del suo papà, l’ultimo che ha potuto regalargli, a salvarlo da morte certa.

Amit ha stretto a sé il suo bambino mentre la funivia si schiantava al suolo.

Leggi anche –> Tragedia funivia, Eitan tra la vita e la morte salvato dall’abbraccio del papà: “Ha perso tutti”

Il punto sulle indagini

Intanto proseguono le indagini sulla tragedia della funivia. Al momento non risultano esserci indagati, mentre la Procura indaga per omicidio colposo plurimo, disastro colposo con messa in pericolo della sicurezza dei trasporti e lesioni gravissime.

Gli inquirenti stanno visionando le immagini delle telecamere di sorveglianza.

La cabina della funivia si è schiantata 5 metri prima dell’arrivo. La fune si è spezzata ed è iniziata una folle corsa all’indietro, dopodiché la cabina è precipitata dal punto più alto, perdendosi nella fitta boscaglia.

Nove corpi sono stati sbalzati fuori, le altre 5 persone sono rimaste intrappolate tra le lamiere.