Home News Fraser Island, dove si trova la più grande isola sabbiosa? Uno spettacolo...

Fraser Island, dove si trova la più grande isola sabbiosa? Uno spettacolo della natura!

CONDIVIDI

Fraser Island è la più grande isola sabbiosa del mondo. Si Trova in Australia ed è un paradiso incontaminato, con piccoli villaggi, senza asfalto e cemento.

Fraser Island

Fraser Island misura 123 chilometri di lunghezza e 22 chilometri di larghezza ed è considerata come l’isola sabbiosa più grande al mondo. Si trova in Australia nel Queensland. Quest’isola è un’oasi naturale del tutto incontaminata, dove troviamo piccoli villaggi che vivono in armonia con la natura, senza strade di asfalto, ferrovia e cemento.

La più grande isola sabbiosa della terra

Quest’oasi da primato, venne scoperta da James Cook ma deve il suo nome a Elsa Fraser una donna inglese, che sopravvisse al naufragio della nave Stirling Castle avvenuto nel 1836. Secondo alcuni racconti, la donna parlò dell’isola e della sua storia in cambio di denaro a scrittori e esploratori. Ovviamente l’Australia era una colonia britannica e l’isola Fraser dopo l’indipendenza, vide i propri abitanti impegnanti in una lotta per proteggere le proprie risorse naturali. L’isola ha difeso la sabbia, impedendone lo sfruttamento.

L’isola vanta un grande patrimonio naturale e non ha confronto alcuno nel mondo. È raggiungibile esclusivamente via mare, usando traghetti che partono dalla Costa di Fraser, per brevi escursioni organizzate. La vegetazione si concentra per lo più nella Central Station, una foresta pluviale felci e alberi di Satinay. L’acqua proviene dal ruscello Wanggoolba Creek, con flusso di 80 milioni di litri d’acqua diari. Il vento è il principale fautore della crescita dellla flora, nutre gli alberi smuovendo e arricchendo il terreno sotto le piante. Sono presenti anche laghi di acqua dolce, di cui il più famoso è il McKenzie Lake che si trova nell’entroterra con una superficie di 150 ettari, circondato da alberi che crescono sulla spiaggia.

Quest’isola è patrimonio dell’umanità UNESCO dal 1992, anche grazie alla presenza di animali in pericolo, come il dingo, un loppide selvatico, parente del cane. Inoltre tra Agosto e Ottobre, possiamo godere della migrazione delle balene che dall’Antartide migrano verso l’Australia per partorire i cuccioli.

Inoltre è una delle mete più vecchie per il turismo sostenibile, che mira a tutelare e salvaguardare l’ecosistema e nel contempo le attività economiche locali. Ci sono hotel, ma si punta al campeggio solitamente, muovendosi per l’isola usando fuoristrada come unico mezzo.