Home News Francobolli prodotti dalla plastica riciclata delle bottiglie

Francobolli prodotti dalla plastica riciclata delle bottiglie

CONDIVIDI

Il Principato del Liechtenstein ha deciso per un’applicazione molto concreta dell’economia circolare, rendendo le spedizioni green.

francobolli plastica

Sempre più si parla dell’economia circolare, ma spesso si fatica a trovare un’applicazione molto concreta di quest’idea green. In Liechtenstein si è deciso di utilizzare le bottiglie di plastica per creare dei francobolli da usarsi per le spedizioni.

La lezione di circolarità che ci arriva dal Liechtenstein

Il Principato ci sta dando lezioni di economia circolare, mostrandoci un ulteriore modo per riciclare la plastica delle bottiglie. Le poste hanno annunciato come potrebbero presto essere i nuovi tipi di francobolli sostenibili ed ecologici.

Con l’avvento di Internet ne vediamo sempre meno in circolazione, ma questo non li ha fatti scomparire del tutto. Un tempo erano il solo metodo di comunicazione economico se si doveva parlare con una persona lontana.

Ora i francobolli sono visti per lo più come oggetti da collezionismo o per i nostalgici. Ora con lo sviluppo delle comunicazioni sembra che siano diventati inutili, ma si tratta di oggetti che mantengono immutato il proprio fascino.

La nuova vita dei francobolli

In Liechtenstein si è deciso di dare un ruolo differente al francobollo, dato che sarà prodotto con l’uso del PET riciclato. Le poste del Principato del Liechtenstein puntano all’economia circolare e propongono di realizzare dei nuovi francobolli autoadesivi di una forma rotonda. Saranno anche ricamati con un filo di plastica.

La forma particolare è dovuta anche al fatto che il soggetto protagonista è il nostro Pianeta. Costerà 6,30 franchi e se il progetto fosse approvato, si avrebbe un grosso risparmio.

“Per ogni francobollo vengono utilizzati 75 metri di filo, e con un’edizione di 40mila pezzi si utilizzano 3 milioni di metri di filo riciclato, assorbendo circa 1700 bottiglie di plastica”.

Possiamo leggere sul sito delle poste del principato del Liechtenstein.