Home News Francia verso il lockdown ibrido: potrebbe iniziare da domenica prossima

Francia verso il lockdown ibrido: potrebbe iniziare da domenica prossima

CONDIVIDI

A comunicare il terzo lockdown sarà il presidente della Francia Macron. Si potrebbe trattare di una formula ibrida a vantaggio dei più giovani.

Francia lockdown

L’annuncio del nuovo lockdown per la Francia è atteso per domenica sera, in diretta televisiva.

Una soluzione inevitabile

In Francia potrebbe essere inevitabile un nuovo lockdown. Ad annunciarlo dovrebbe essere lo stesso Presidente Macron in una diretta televisiva attesa per la prossima domenica.

Il lockdown, a detta di Marcon, sarebbe una soluzione inevitabile dettata anche dall’arrivo delle nuove varianti che spaventano. In particolare, quella britannica.

Il paese si avvia, dunque, verso quella soluzione drastica nonostante le affermazioni del ministro della Salute. Olivier Véran, infatti, soltanto nella giornata di ieri aveva sostenuto, nel corso di una conferenza stampa che il paese non si trovi al momento, in forte crescita epidemica.

Un lockdown preventivo, comunque, sembra per il governo inevitabile. Questo perché i contagi hanno raggiunto plateau stabile da diverse settimane. I contagi si sarebbero assestati, in quota giornaliera su 18.000/20.000.

Dovranno essere analizzati i dati

Prima di giungere al lockdown, dovranno essere presi in esame i dati. Tra questi, ad esempio, gli effetti che potrebbe aver avuto, il coprifuoco alle 18:00 sui contagi.

Un coprifuoco, però, che da solo, stando a quanto ha affermato la Bfm, non sarebbe bastato a dare un freno alla curva dei contagi.

Tra le indiscrezioni trapelate, si ipotizza la tipologia di lockdown che sarà adottata dal governo. Quello della scorsa primavera è stato, come in Italia, un lockdown rigido. Lo scorso novembre, invece, la Francia fece i conti con un lockdown soft.

L’ipotesi che si fa strada in queste ore è che il governo, invece, potrà optare per un lockdown di tipo ibrido e meno duro per la categorie più penalizzate, come i giovani. Per loro, infatti, le scuole potrebbero restare aperte come pure le università.