Home News Francia, Coronavirus: ‘Primi segnali delle misure prese’

Francia, Coronavirus: ‘Primi segnali delle misure prese’

CONDIVIDI

Gli indicatori iniziano a calare come ricoveri, posti in terapia intensiva e positività. Le misure prese fanno effetto ma serve ancora prudenza.

francia coronavirus

I dati di Parigi iniziano a rincuorare perché migliorati con le nuove misure imposte ma non c’è da tranquillizzarsi troppo.

Parigi in via di miglioramento

I nuovi dati anche se provvisori fanno ben sperare, il governo non smette di ripetere che serve ancora molta prudenza nell’agire ed interpretare i dati.

La Francia ultimamente è l’epicentro della seconda ondata del Coronavirus in Europa ma grazie al calo di alcuni indicatori sanitari si torna a sperare. Meno ricoveri, meno nuovi pazienti in terapia intensiva, calo della positività e il tasso Rt sceso a 1,1. Il ministro della salute Olivier Vèran lo ammette con una sorta di gioia tarpata.

I numeri che contraddistinguono la crisi sanitaria francese sono comunque da Record: 31 mila pazienti ricoverati di cui 4680 in terapia intensiva. In Francia si registra il numero più altro di contagi in tutta l’Europa cioè 1,7 milioni di positivi.

Il calcolo del contagi ha subito un’altalenante dondolio in questa ultima settimana per un bug del sistema della salute, un problema tecnico. La Francia ha organizzato più d 2 milioni di tamponi nell’ultima settimana.

Gli effetti della chiusura di ottobre

I numeri leggermente calati potrebbero essere un segnale che la chiusura di ottobre stia funzionando: il coprifuoco in vigore da settimane specialmente è stato molto d’aiuto.

Martin Hirsch, direttore della cabina di pilotaggio degli ospedali della capitale, ha definitivamente annunciato un evidente rallentamento:

negli ultimi 4 giorni abbiamo visto 80 ingressi al giorno in rianimazione, una settimana fa erano 110.

Senza dubbio, si legge su Repubblica.it, le vacanze di autunno durante le quali le famiglie sono rimaste a casa e le scuole sono rimaste chiuse hanno aiutato a far decrescere i contagi.

Nonostante i dati siano migliorati non bisogna abbassare la guardia, il Ministero della salute incita alla massima prudenza.