Home Cronaca Foggia, 31enne muore dopo intervento di riduzione allo stomaco: aperta un’inchiesta

Foggia, 31enne muore dopo intervento di riduzione allo stomaco: aperta un’inchiesta

CONDIVIDI

La paziente, originaria di San Severo, è morta tre mesi dopo l’operazione, che, secondo il racconto dei familiari, le sarebbe costata la vita.

31enne morta dopo operazione

Disposto l’esame autoptico sulla vittima, per accertare se il decesso sia connesso all’intervento o se siano subentrate altre complicanze, non legate all’operazione.

L’operazione al policlinico di Foggia

Lo scorso 14 ottobre si era recata all’ospedale di Foggia per sottoporsi ad un intervento di riduzione dello stomaco.

Dopo l’operazione chirurgica è iniziato un calvario lungo tre mesi, terminato con la morte della paziente, una donna di 31 anni, originaria di San Severo, provincia di Foggia.

A seguito dell’intervento, come riferisce anche La Repubblica, si erano registrate delle complicanze, tanto che la sua permanenza in ospedale si era prolungata per quasi due mesi.

All’inizio di dicembre, la 31enne è uscita dall’ospedale, per poi tornarvi qualche settimana dopo, per sottoporsi ad alcuni accertamenti.

Il 14 dicembre scorso ha lasciato nuovamente il policlinico di Foggia. La notte stessa però le sue condizioni sono peggiorate, tanto che si è reso necessario l’intervento di un mezzo di soccorso.

La 31enne è quindi tornata in ospedale, dove è risultata anche positiva al Covid-19. Le sue condizioni sono via via peggiorate nel corso dei giorni a venire, fino a quando, lo scorso 14 gennaio, a seguito dell’aggravarsi del suo quadro clinico, ne è stata dichiarata la morte.

Aperta un’inchiesta

I familiari della donna, deceduta dopo l’intervento di riduzione allo stomaco, al policlinico di Foggia, vogliono ora vederci chiaro per capire se sia stata davvero l’operazione chirurgica ad ucciderla.

La Procura di Foggia ha quindi aperto un’inchiesta per accertare l’accaduto. Sono almeno una decina, al momento, i medici che risultano iscritti nel registro degli indagati.

La famiglia della donna è assistita dal legale Roberto De Rossi. L’esame autoptico sul corpo della 31enne è già stato effettuato. Attesi gli esiti nei prossimi giorni.