Home Spettacolo Flavio Insinna svelato il cachet del conduttore dell’Eredità: ecco quanto guadagna in...

Flavio Insinna svelato il cachet del conduttore dell’Eredità: ecco quanto guadagna in Rai

CONDIVIDI

Quanto guadagna Flavio Insinna? Scopriamo insieme a quanto ammonta lo stipendio di uno dei conduttori più amati dei programmi tv Rai

Flavio Insinna

Flavio Insinna è uno dei presentatori più ammirati della televisione italiana. Storico conduttore di Affari Tuoi, dal 2018 è al timone de L’Eredità.

Oggi, sta riuscendo a riscuotere un notevole successo proprio grazie al programma quiz di Rai 1. Ma a quanto ammonta il suo stipendio? Vediamo insieme quanto guadagna il presentatore.

Flavio Insinna a L’Eredità

A convincere Flavio Insinna a intraprendere la fortunata carriera nel game show di Rai 1 è stata la moglie del compianto Fabrizio Frizzi, Carlotta Mantovani.

La donna ha accolto positivamente la proposta della Rai avanzata al conduttore di Affari Tuoi, che era tra l’altro grande amico di Fabrizio.

Insinna, infatti, aveva mostrato titubanza nell’accettare il ruolo:

“Io ero paralizzato da mille pensieri, mi è passato il mondo nella testa. Per primo, un senso di inadeguatezza. Poi il mio pensiero è corso là: puoi mai pensare che quel gioco si chiama L’Eredità e tu lo prendi da un amico fantastico che non lo lascia per andare a fare Sanremo ma perché non c’è più?”

Quanto guadagna il conduttore

Ormai, L’Eredità ha il volto di Flavio Insinna, che guadagna una cifra da capogiro per la conduzione della trasmissione di Rai 1. Il compenso ammonta a circa un milione di euro l’anno.

L’assegno incassato annualmente da Insinna non è un guadagno da poco e ha spronato il conduttore a voler avanzare professionalmente e a intraprendere nuovi progetti.

Insinna ha molti sogni nel cassetto e tanti obiettivi lavorativi. Il presentatore vorrebbe continuare con la televisione, ma nutre anche una profonda passione per il cinema.

Sono quasi trent’anni che ormai Insinna collabora anche con registi di rilievo. Il suo esordio è avvenuto nel 1992 con “Gole ruggenti” per la regia di Pier Francesco Pingitore, mentre l’ultimo prodotto a cui ha preso parte è “Se mi vuoi bene“, diretto da Fausto Brizzi nel 2019.