Home News Fisco, sequestrato mezzo milione alla società di Papeete

Fisco, sequestrato mezzo milione alla società di Papeete

CONDIVIDI

L’accusa del Fisco ai danni della Papeete sarebbe quella di aver beneficiato di false fatturazioni procurate dalla Mib Service.

Fisco Papeete
Alla società sarebbe stato sequestra circa mezzo milione.

Sarebbe stato di circa mezzo milione il sequestro preventivo fatto dal Fisco ai danni della società che gestisce i famosi Papeete e la sua villa. Ad effettuare il sequestro sarebbe stato il Gip di Ravenna su richiesta dei pm della Procura Alessandro Mancini e Monica Gargiulo.

Il Papeete è stata la meta estiva di quest’anno di Matteo Salvini

Papeete è passato sotto le luci della ribalta soprattutto questa estate, essendo stata la meta scelta da Matteo Salvini per le proprie vacanze. Inoltre, sarebbe proprio dal medesimo luogo che il leader della Lega avrebbe trasmesso le sue conferenze stampa estive.

Al centro dell’inchiesta, inoltre, ci sarebbe una società, la Mib Service la quale si occupa di effettuare consulenze nel settore della ristorazione e dell’intrattenimento. Al momento la predetta azienda, infatti, è indagata per aver emesso fatture su operazioni mai esistite.

Alcune società avrebbero approfittato delle fatture emesse dalla Mib Service

Quindi l’accusa sarebbe proprio che alcune società avrebbero avuto dei benefici dalle fatture inesistenti emesse dalla Mib Service. Tra queste ovviamente, risulterebbe proprio quelle del Papeete. Le fatture mandate dal titolare, infatti, sarebbero di 5,6 milioni di euro su 122 contratti stipulati tra il 2013 e il 2017.

Secondo alcune fonti, l’indagine sarebbe partita dalla guardia di finanza, la quale stava effettuando un controllo proprio sulla Srl. Secondo quanto sintetizzato dal gip nel decreto di sequestro per 5,8 milioni di euro dello scorso 15 giugno, Mib sarebbe una “società di comodo, strutturalmente inesistente”.

Infine, è molto probabile che altre aziende che avevano preso accordi con la Mib Service verranno prese di mira dal Fisco. Non è da escludere, infatti, che in questo collaudato sistema di frode ideato dalla Srl fossero coinvolte più realtà lavorative come successo per la Papeete.