Home News Feste di Natale a rischio? Parla l’infermiera simbolo della pandemia in Italia

Feste di Natale a rischio? Parla l’infermiera simbolo della pandemia in Italia

CONDIVIDI

Elena Pagliarini, l’infermiera della foto simbolo della pandemia in Italia ha pubblicato un post sui suoi social: meglio non festeggiare il Natale piuttosto che festeggiarlo in ospedale.

infermiera natale

L’infermiera teme che, dopo Natale, possa verificarsi una terza ondata.

Il monito di Elena Pagliarini

Il Natale 2020 potrebbe essere a rischio e l’infermiera Elena Pagliarini lo sa. La donna è la protagonista di una fotografia, diventata simbolo della pandemia in Italia. La foto, la ritraeva mentre, stremata, con ancora i dispositivi di sicurezza addosso, riposava con la testa sulla tastiera del computer. L’infermiera, fu omaggiata per il suo lavoro anche da Sergio Mattarella.

L’infermiera è andata di nuovo sotto i riflettori a causa di un post che ha scritto sul suo profilo Facebook, in merito alle festività di Natale imminenti. Il post è stato riportato da diverse testate e recitava:

“Vedo grande preoccupazione per il pranzo di Natale. Preoccupatevi di non farlo in ospedale o peggio di non farli mai più, i pranzi”.

Un vero e proprio monito, quello dell’infermiera di Cremona che teme l’avvento di una terza ondata, dopo le feste di Natale. Lei, d’altro canto, trascorrerà i giorni di festa lavorando.

Un post accompagnato dalle polemiche

Non sono mancate le polemiche. Alcuni commenti hanno affermato, ad esempio, che gli infermieri come lei, dovrebbero smetterla di credersi super eroi. Nessuno li ha costretti a fare ciò che fanno. Qualcun altro ha, invece, ricordato alla donna come ha acquistato popolarità: per una fotografia. Avrebbe dovuto diventare famosa, invece, per il suo lavoro. Purtroppo, non tutti gli infermieri fanno davvero il loro dovere. Questo è ciò che si legge da alcuni commenti.

Oltre alle polemiche, ovviamente,  ci sono stati anche i consensi. Le priorità della gente non dovrebbero essere i pranzi e le sciate ma la salute. In molti, sperano che la gente possa usare un po’ di buon senso.