Home News Festa della Repubblica, perché si festeggia il 2 giugno? Curiosità e storia

Festa della Repubblica, perché si festeggia il 2 giugno? Curiosità e storia

CONDIVIDI

Oggi 2 giugno si festeggia la Festa della Repubblica: ma conoscete la sua storia e tutte le curiosità su questa celebrazione?

Festa della Repubblica, perché si festeggia il 2 giugno? Curiosità e storia

Tutti pronti per festeggiare oggi la Festa della Repubblica che si tiene ogni anno il 2 giugno. Ma sapete il perché e la sua storia?

Perché si festeggia il 2 giugno?

Oggi Roma si colora di immenso con il passaggio delle Frecce Tricolore, che hanno appena terminato il loro tour in giro per l’Italia.

L’evento e la celebrazione risalgono al 1947 per sigillare la fine della crisi politica dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. Ma perché si festeggia proprio oggi 2 giugno?

Il motivo è semplice e lo troviamo attraverso i vari scritti della storia, infatti il 2 giugno rappresenta l’anniversario della morte di Giuseppe Garibaldi – il protagonista assoluto dell’Unità d’Italia. La Repubblica è invece stata creata a seguito di un Referendum Costituzionale: in quella sede tutti gli italiani votarono a favore, desiderando una forma di governo alternativa e nuova.

Ma non si deve credere che questa vittoria sia stata facile, perché la Monarchia non è stata battuta velocemente e sono stati tantissimi gli esponenti politici a pensare non fosse giusto istituire una Repubblica. Il risultato del Referendum fu un 54,3% per la Repubblica mentre il 45,7% per la Monarchia.

La prima parata ai Fori Imperiali fu nel 1948 e il 2 giugno 1949 venne dichiarata Festa Nazionale.

La celebrazione a Roma

In una anno così difficile la celebrzione di quest’anno sarà differente. Il tanto atteso volo delle Frecce Tricolore è confermato mentre la parata non ci sarà. Il Presidente Mattarella effettuerà la cerimonia di deposizione di una corona d’alloro all’Altare della Patria.

Per il pubblico saranno riaperti anche i Musei Civici, Musei Vaticani con visite impostate secondo tutti i criteri di sicurezza vigenti.

Per informazioni e dettagli, il consiglio è quello di visitare il sito ufficiale del Comune di Roma e dei Musei.