Home Cronaca Giallo a Ferrara, trovati due cadaveri carbonizzati in un’auto: indagini in corso

Giallo a Ferrara, trovati due cadaveri carbonizzati in un’auto: indagini in corso

CONDIVIDI

Il drammatico ritrovamento è avvenuto la scorsa domenica sera a Rero di Tresignana, nel ferrarese.

giallo Ferrara scoperti due cadaveri

Ai vigili del fuoco era arrivata la segnalazione di un’auto in fiamme. Durante le operazione di spegnimento, sono stati rinvenuti i due corpi senza vita.

Segnalata un’auto in fiamme: scoperti due cadaveri carbonizzati

La segnalazione ai vigili del fuoco è arrivata nella tarda serata di domenica, quando dei cittadini hanno allertato i pompieri per la presenza di un’auto in fiamme in un campo a Rero di Tresignana, nel ferrarese.

Quando i vigili del fuoco sono giunti sul posto, hanno fatto la macabra scoperta: nell’auto, ormai senza vita e quasi totalmente carbonizzati, sono stati scoperti due cadaveri.

Identificate le vittime

Come riferisce l’Adnkronos, gli inquirenti hanno identificato i due cadaveri: si tratta di un 64enne di Codigoro, del quale proprio in serata era stata segnalata la scomparsa.

La seconda vittima sarebbe un parente del 64enne, un 70enne con gravi patologie.

I due sono stati ritrovati proprio a bordo della vettura di proprietà del 64enne.

Informazioni più dettagliate potranno essere certamente fornite dall’esame autoptico, che è stato disposto sui corpi delle due vittime.

L’obiettivo degli inquirenti è tentare di ricostruire cosa sia accaduto nelle ore del pomeriggio di domenica 28 febbraio, poco prima che si consumasse la tragedia.

Le prime indagini potrebbero far pensare a un omicidio-suicidio o anche un duplice suicidio.

Al momento gli inquirenti non escludono alcuna ipotesi, neppure quella che una delle due persone sia deceduta e l’altra si sia tolta la vita in un secondo momento.

Una delle due presunte vittime era un ex operaio, al momento disoccupato, che sembra stesse attraversando un periodo particolarmente difficile.

Pare frequentasse anche le mense della Caritas e vivesse da una sua ex moglie, non potendosi permettere l’affitto di casa.