Home News Cosa cambia con la fattura elettronica 2019 obbligatoria? Commercianti e clienti preoccupati

Cosa cambia con la fattura elettronica 2019 obbligatoria? Commercianti e clienti preoccupati

CONDIVIDI

La fattura elettronica 2019 è diventata realtà e sono molti i commercianti e clienti a reputarsi molto preoccupati. I cambiamenti potrebbero infatti portare ad un effetto domino di disagi ed errori, che si andranno a pagare molto cari. Vediamo insieme i dettagli.

Cosa cambia con la fattura elettronica 2019 obbligatoria? Commercianti e clienti preoccupati
Fattura elettronica 2019 obbligatoria

La fattura elettronica 2019 obbligatoria è entrata in vigore da pochissimi giorni e, come da supposizione di tutti gli italiani, i disagi in merito al cambiamento sono molti.

L’emissione del documento in modalità elettronica non riguarda solo la pubblica amministrazione, ma anche i privati. Tra i commercianti è iniziato un vero e proprio passa parola evidenziando mancanze e disagi, che si spera verranno risolti quanto prima.

Fattura Elettronica 2019 e i disagi

Sulla fattura obbligatoria in modalità elettronica, le persone interessante hanno sollevato alcuni quesiti e criticità riscontrate in questi primi giorni dell’anno. Se da un lato la tecnologia è di grande aiuto, dall’altra parte ci sono persone che non hanno familiarità con Tablet e Smartphone, ma soprattutto con i sistemi complessi inerenti al software dedicato da utilizzare.

Ma il disagio più grande –  sempre secondo gli interessati – è il fatto di non aver avuto del tempo utile per provare, capire e magari sbagliare quando ancora si poteva fare.

Fattura Elettronica 2019 cambiamenti e sanzioni

Stefano GiorgiDirettore Cedascom – si è promosso come portavoce per cercare di limitare i danni accompagnando imprenditori e amministrazioni verso la comprensione.

“Sono più di sei mesi che lavoriamo alla questione…”

E’ bene evidenziare che i titolari di Partita IVA in regime forfettario e regime di minimi sono esclusi in fase di emissione, ma non in caso di acquisto e che le sanzioni – solo per i primi sei mesi – saranno molto contenute.