Home News Ministro dei Trasporti: allo studio bonus mobilità alternativa per l’acquisto di bici...

Ministro dei Trasporti: allo studio bonus mobilità alternativa per l’acquisto di bici e monopattini elettrici

CONDIVIDI

Fase Due: in arrivo il Bonus mobilità alternativa?

Il Governo starebbe studiando la possibilità di introdurre il Bonus Mobilità Alternativa da 200 euro per l’acquisto di bici, hoverboard e monopattini elettrici.

Per evitare l’affluenza al trasporto pubblico e un aumento insostenibile del traffico privato e dei relativi problemi di congestione e inquinamento, il Ministro dei Trasporti Paola De Micheli annuncia la promozione di forme di mobilità alternativa e la diffusione della micromobilità elettrica.

L’obiettivo è quello di favorire l’utilizzo di mezzi di trasporto eco-friendly, innovativi e sostenibili.

È allo studio il riconoscimento di un Bonus Mobilità Alternativa da 200 euro per l’acquisto di bici, hoverboard e monopattini elettrici per i residenti nelle città metropolitane e aree urbane con più di 60.000 abitanti.

Il Bonus Mobilità Alternativa consentirebbe anche l’acquisto di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica, quali segway, hoverboard e monopattini.

Bonus Mobilità Alternativa: a chi spetta?

Come spiegato dal Ministro dei Trasporti il Bonus Mobilità Alternativa potrebbe essere utilizzato da tutti coloro che mirano ad acquistare

“biciclette, anche a pedalata assistita, nonché di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica, quali segway, hoverboard e monopattini”.

È probabile che il Bonus Mobilità Alternativa non si discosti molto da quello dell’Ecobonus per l’acquisto di auto elettriche.

Il Bonus potrà essere richiesto dai

“residenti nelle città metropolitane e aree urbane con più di 60.000 abitanti”.

Rimarrebbero “a bocca asciutta” i pendolari che vivono in piccoli paesi e che si recano nelle maggiori città per lavorare.

Trasporti, Bonus Mobilità Sostenibile: la definizione di Bike Lane

Si propone l’introduzione nel Codice della Strada della Bike Lane, ovvero una corsia con destinazione prioritaria alla circolazione dei velocipedi nella quale è consentita la circolazione anche dei veicoli a motore (tricicli, ciclomotori e motocicli).

“Avremo così indubbi vantaggi sulla sicurezza e lo snellimento della circolazione”,

sottolinea il Ministro dei Trasporti.