Home Salute & Benessere Fare le pulizie a casa? Più dannoso del fumo: distrugge i polmoni...

Fare le pulizie a casa? Più dannoso del fumo: distrugge i polmoni progressivamente

CONDIVIDI

Le casalinghe l’hanno sempre saputo. Fare le pulizie non è semplice e comporta molta fatica. Può addirittura risultare più dannoso del fumo, ecco perché

Fare le pulizie più fannoso del fumo, ecco la verità della scienza
fare pulizie

Pulire la casa non è esattamente come fumare sigarette. Ad esempio, non dovresti usare la bocca per pulire la casa. Tuttavia, uno studio recentemente pubblicato sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine afferma che l’uso regolare di prodotti per la pulizia della casa potrebbe essere dannoso come fumare un pacchetto di sigarette al giorno.

Lo studio: fare le pulizie più dannoso del fumo?

Fondamentalmente, questo studio suggerisce che la pulizia potrebbe togliere il respiro. I ricercatori dell’Università di Bergen e dell’Ospedale universitario di Haukeland – in Norvegia – hanno seguito nel tempo ciò che è successo a due misure comuni di funzionalità polmonare tra 6.235 persone che hanno partecipato all’indagine sulla salute respiratoria della Comunità europea.

La prima misura è il volume espiratorio forzato in un secondo (FEV1). Immagina di provare a far saltare in aria una torta di compleanno con mille candele e di misurare la quantità di aria che puoi espellere dai polmoni in un secondo.

La seconda misura è la capacità vitale forzata (FVC), che è la quantità totale di aria che puoi espellere dai polmoni dopo aver fatto il respiro più profondo possibile.

Sebbene entrambe queste misure tendano a raggiungere un picco tra i 20 e i 25 anni e successivamente diminuiscano gradualmente con l’età, lo studio ha rilevato che il FEV1 e il FVC sono diminuiti più rapidamente (3,6 e 4,3 ml all’anno più velocemente) per le donne che pulivano regolarmente case di coloro che non lo hanno fatto.

Il declino è stato ancora più rapido (3,9 e 7,1 ml / anno più veloce) tra le donne che lavoravano come addetti alle pulizie rispetto a quelle che non lavoravano come addetti alle pulizie e non pulivano regolarmente le proprie case.

Inoltre, l’asma era più comune (12,3%) tra le donne che pulivano le loro case (12,3%) o lavoravano come addetti alle pulizie (13,7%) rispetto a quelle che non facevano nessuno delle due mansioni (9,6%). Queste riduzioni della funzionalità polmonare erano paragonabili a quelle osservate nelle persone con un’abitudine di fumare un pacchetto al giorno.

Quindi, non bisogna pulire casa?

Prima di utilizzare questo studio come giustificazione per non pulire la casa, tieni presente che questo non è stato lo studio “più pulito”.

Un simile studio di coorte può solo mostrare associazioni e non può effettivamente dimostrare che la pulizia ha causato una riduzione più rapida della funzionalità polmonare. Ci possono essere altre cose che intervengono in tal senso.

Inoltre, lo studio non ha trovato le stesse associazioni tra gli uomini, forse perché troppi uomini hanno indicato che puliscono regolarmente le case. Sono necessari ulteriori studi per determinare una relazione di causa ed effetto e quali sostanze chimiche nei detergenti potrebbero influenzare i polmoni.

Tuttavia, questo recente studio non è il primo a suscitare preoccupazioni sulla pulizia dei prodotti chimici. L’American Lung Association mette in guardia su come ammoniaca, candeggina e una varietà di composti organici volatili (COV) nei prodotti per la pulizia possono irritare gli occhi, la gola e i polmoni e possono far emergere problemi respiratori cronici, reazioni allergiche, mal di testa e persino cancro.