Home Cronaca Salerno, falsa cieca percepiva accompagnamento dal 2013: la Finanza sequestra 73mila euro

Salerno, falsa cieca percepiva accompagnamento dal 2013: la Finanza sequestra 73mila euro

CONDIVIDI

Una nuova truffa all’Inps quella messa in atto da una donna di Salerno, falsa cieca. La 66enne percepiva la pensione di accompagnamento dal 2013.

falsa cieca

La Guardia di Finanza di Salerno ha sequestrato beni per 73mila euro. La falsa cieca, che invece ci vedeva benissimo, è ora indagata per truffa aggravata ai danni dell’Inps.

Truffa all’Inps

Una truffa all’Inps da oltre 70mila Euro. È quanto accaduto a Salerno, dove una donna di 66 anni si è spacciata per falsa cieca dal 2013, percependo una pensione d’invalidità di 700 euro al mese.

Come riferisce anche Il Mattino, la Guardia di Finanza di Salerno, su disposizione della Procura della Repubblica, ha sequestrato beni e denaro per 76mila alla donna.

L’attività d’investigazione, in corso da diversi mesi, ha permesso di accertare come la donna non soffrisse di alcuna patologia e, anzi, conducesse una vita del tutto normale.

La 66enne è ora indagata per truffa aggravata ai danni dell’Istituto di previdenza sociale.

Finto cieco a Vicenza

Lo scorso 18 maggio una nuova truffa all’Inps era stata scoperta a Vicenza. 

Le Fiamme Gialle vicentine hanno smascherato un uomo di Schio, percettore dal 2013 di una pensione d’invalidità e indennità speciale di accompagnamento perché risultato cieco assoluto.

Il finto invalido avrebbe percepito nel corso degli anni oltre 90mila euro.

La Guardia di Finanza ha quindi effettuato il sequestro preventivo dei beni, come previsto dal Tribunale di Vicenza.

Le indagini hanno accertato che l’uomo ci vedeva benissimo ed anzi svolgeva una serie di attività incompabitibili con la patologia dichiarata all’Istituto di Previdenza Nazionale.

Indagata anche la moglie dell’uomo, che, consapevole della truffa, lo accompagnava regolarmente in banca per la sottoscrizione dei documenti del conto corrente.

La donna è quindi accusata di complicità nella truffa all’Istituto di Previdenza Nazionale.