Home News Fabrizio Frizzi, i messaggi di affetto dei colleghi

Fabrizio Frizzi, i messaggi di affetto dei colleghi

CONDIVIDI

Fabrizio Frizzi è morto improvvisamente e il suo decesso improvviso  ha colpito al cuore il mondo della tv e il grande pubblico che lo amava da sempre. Sono molti i colleghi che hanno lasciato i messaggi per lui.

Il presentatore romano, lascia la giovane moglie Carlotta Mantovan e la loro figlia, la piccola Stella.

Aveva deciso di lottare. Di resistere. per sua figlia. Ma non è andata come tutti si aspettavano.

 

“Era una persona per bene” ha detto Vincenzo Mollica intervenendo nella trasmissione ‘Uno Mattina’.

Accorato l’addio di Pippo Baudo, collega e amico da sempre che non trattenendo l’emozione ha dichiarato:

“E’ una ingiustizia, ci lascia un uomo di grandi valori, un uomo giovane”

Tanti i Tweet provenienti dal mondo dello spettacolo! Salvo Sottile scrive:

“Nella notte se ne è andato Fabrizio Frizzi, un grande signore della tv, un amico, una persona gentile oltre che un grande professionista. Dolore immenso, un abbraccio ai suoi cari e alla sua meravigliosa bambina. Resterai sempre nel mio cuore. R.I.P.”

La collega Monica Leofreddi, l’ha voluto salutare così:

“Descriverlo è solo un esercizio di stile, perchè Fabrizio aveva un cuore accessibile a tutti. Vuoto, lacrime dolore”

Manila Nazzaro incredula e addolorara twitta:

“No…Fabrizio..no…questo non dovevi farcelo…sei uno dei ricordi più belli della mia vita. Sei l’uomo migliore che abbia mai conosciuto in questo mondo si squali. Sei e rimarrai una rarità nel cielo. Troppo dolore oggi. Ciao”

Il giornalista Pierluigi Diaco:

“Un vero gentiluomo. Una persona che nella vita si è contraddistinta per sobrietà, pudore, eleganza e professionalità. Ciao”

Il comico e conduttore Max Giusti, lo ricorda così:

“Voglio ricordarti col sorriso che avevi sempre anche se oggi, sono morto un po’ anche io! Ti voglio bene! Max”

L’intero mondo della televisione e dello spettacolo si è stretta in un cordoglio caratterizzato dalla sincera commozione e dal dolore di aver perso un grande uomo.